Lo ha detto il Segretario generale Jens Stoltenberg. La Nato è pronta a ha schierare una forza militare permanente al suo confine orientale. Da quando è iniziato il conflitto il 24 febbraio scorso, l’Alleanza ha portato in Europa dell’est almeno 40.000 soldati in più. Ora si vuole stabilizzarli con un comando integrato ben definito. Obiettivo è riorganizzarsi alla luce del nuovo sconvolgimento dell’ordine internazionale. La Nato, ha detto Stoltenberg, deve svolgere una funzione preventiva e essere pronta a garantire la sicurezza ai suoi alleati.

Rispondi