Nasce il governo dell'Afghanistan in esilio

Con un documento di 18 punti, l’ex-governo della Repubblica Islamica dell’Afghanistan nasce in esilio. Lo guiderà il vice-presidente Amrullah Saleh, che non ha ancora ufficialmente accettato la carica, in sostituzione del presidente Ashraf Ghani, che avendo lasciato il Paese viene ritenuto “dissociato” dalla politica nazionale. Nel caso in cui Saleh non accetti l’incarico, la guida del governo afgano in esilio sarà proposta al secondo vice-presidente. Il compito della nuova compagine governativa sarà quella di lavorare per l’unità del Paese e difendere gli interessi nazionali, lavorando per una soluzione politica che porti a un governo basato sulla volontà popolare.

Rispondi