Il Perù non molla la protesta contro la presidente
Foto Reuters

Nonostante la tregua chiesta dalla presidente Dina Boluarte, la protesta in Perù continua con scontri durissimi tra manifestanti e forze di polizia. A migliaia sono scesi nelle strade di Lima e sono stati accolti con raffiche di gas lacrimogeni e proiettili delle forze di sicurezza.

La protesta antigovernativa del 24 gennaio è stata la più grande – e la più violenta – da quando migliaia di persone, molte provenienti da remote regioni andine, sono arrivate lo scorso 19 gennaio nella capitale per chiedere le dimissioni di Boluarte, elezioni immediate e lo scioglimento del Congresso. La presidente ha imposto nelle scorse settimane lo stato di emergenza.

Prima della scorsa settimana, la maggior parte delle grandi proteste antigovernative che hanno seguito la cacciata del presidente Pedro Castillo si sono svolte in regioni remote del Perù, in gran parte nel sud del paese, mettendo a nudo la profonda divisione tra i residenti della capitale e la campagna a lungo trascurata.

La crisi che ha scatenato la violenta reazione politica del Perù in più di due decenni è iniziata quando Castillo, il primo leader del Perù di origine andina rurale, ha cercato di aggirare il terzo procedimento di impeachment della sua amministrazione ordinando lo scioglimento del Congresso lo scorso 7 dicembre. Invece, il Congresso lo mise sotto accusa, la polizia nazionale lo arrestò prima che potesse trovare asilo e Boluarte, che era il suo vicepresidente, prestò giuramento.

Rispondi