L’Azerbaijan torna a combattere per il Nagorno Karabakh

>

L’Azerbaijan attacca le forze filo armene nel Nagorno-Karabakh, la regione eternamente contesa da Baku e Yerevan.

Le forze dell’Azerbaigian hanno lanciato fuoco di artiglieria sulle posizioni armene nel Nagorno-Karabakh e funzionari locali hanno riferito che decine di persone – sia civili che soldati – sono state uccise e ferite nei combattimenti. Le autorità di cultura armena nella regione delle montagne del Caucaso hanno esortato l’Azerbaigian a sedersi per i colloqui, ma l’amministrazione presidenziale dell’Azerbaigian ha affermato che quella che ha descritto come una “operazione antiterrorismo” continuerà fino alla resa delle “formazioni militari armene illegali” e al governo separatista del Nagorno-Karabakh. I rapporti ufficiali hanno sollevato preoccupazioni sulla possibile ripresa di una guerra su vasta scala nella regione tra Azerbaigian e Armenia, che si sono affrontati per più di tre decenni in un conflitto per il territorio montuoso. Gli ultimi pesanti combattimenti si sono verificati per sei settimane nel 2020.

Nagorno-Karabakh: le origini del conflitto 

Rispondi