La svolta occidentale sanzioni contro la Cina per violazioni dei diritti uiguri

Diversi paesi occidentali hanno imposto sanzioni ai funzionari in Cina per violazioni dei diritti nei confronti del gruppo di minoranza uigura a maggioranza musulmana.

La Cina ha arrestato gli uiguri nei campi nella regione nord-occidentale dello Xinjiang, dove sono emerse accuse di tortura, lavoro forzato e abusi sessuali. Le sanzioni sono state introdotte come uno sforzo coordinato da Unione Europea, Regno Unito, Stati Uniti e Canada.

La Cina ha risposto con le proprie sanzioni ai funzionari europei. Ha negato le accuse di abusi, sostenendo che i campi sono strutture di “rieducazione” utilizzate per combattere il terrorismo.

Questa scelta occidentale è una posizione nuova verso la Cina destinata a creare un precedente. L’UE, per esempio, non impose nuove sanzioni alla Cina per le violazioni dei diritti umani dalla repressione di piazza Tienanmen del 1989, quando le truppe a Pechino aprirono il fuoco sui manifestanti pro-democrazia.


Cosa sappiamo delle sanzioni alla Cina?

Le sanzioni, compresi i divieti di viaggio e il congelamento dei beni, colpiscono alti funzionari dello Xinjiang che sono stati accusati di gravi violazioni dei diritti umani contro i musulmani uiguri.

Ecco i funzionari cinesi colpiti dalle sanzioni:

  • Chen Mingguo, direttore dell’Ufficio di pubblica sicurezza dello Xinjiang, le forze di polizia locali
  • Wang Mingshan, membro del comitato permanente del Partito comunista dello Xinjiang, che, secondo l’UE, “detiene una posizione politica chiave incaricata di sorvegliare” la detenzione degli uiguri
  • Wang Junzheng, segretario del partito del Xinjiang Production and Construction Corps (XPCC), un’organizzazione economica e paramilitare di proprietà statale
  • L’ex vice capo del Partito Comunista nello Xinjiang, Zhu Hailun, accusato di aver ricoperto una “posizione politica chiave” nel sovrintendere alla gestione dei campi.
    diritti umani del nostro tempo”.


Di cosa è accusata la Cina?

Si stima che più di un milione di uiguri e altre minoranze siano stati detenuti nei campi nello Xinjiang.

Lo Xinjiang si trova nel nord-ovest della Cina ed è la regione più grande del paese. Come il Tibet, è autonomo, nel senso che – in teoria – ha alcuni poteri di autogoverno. Ma in pratica, entrambi devono affrontare importanti restrizioni da parte del governo centrale.

Gli uiguri che vivono nella regione parlano la loro lingua, simile al turco, e si considerano culturalmente ed etnicamente vicini alle nazioni dell’Asia centrale.

Il governo cinese è stato accusato di aver effettuato sterilizzazioni forzate su donne uiguri e di aver separato i bambini dalle loro famiglie.


Come ha risposto la Cina alle sanzioni?

La Cina ha detto che le sanzioni – inizialmente annunciate dall’Ue – erano “basate solo su menzogne ​​e disinformazione”.

Ha dichiarato che avrebbe sanzionato 10 persone e quattro enti in Europa “che danneggiano gravemente la sovranità e gli interessi della Cina e diffondono maliziosamente menzogne ​​e disinformazione” in risposta. A coloro che sono stati colpiti dalle sanzioni cinesi è vietato entrare nel paese o fare affari con esso.

Il politico tedesco Reinhard Butikofer, che presiede la delegazione del Parlamento europeo in Cina, era tra i funzionari di più alto profilo nell’elenco cinese. Anche Adrian Zenz, uno dei massimi esperti delle politiche cinesi nello Xinjiang, e lo studioso svedese Bjorn Jerden sono stati presi di mira.

Il signor Zenz ha riferito ampiamente di presunti abusi nello Xinjiang. Il suo rapporto dello scorso anno sulla sterilizzazione forzata degli uiguri ha spinto le autorità internazionali a indagare. I media di stato cinese lo hanno definito un “famigerato personaggio anti-cinese” e lo hanno accusato di diffondere menzogne.

Il parlamentare olandese Sjoerd Sjoerdsma, che è stato inserito nella lista delle sanzioni cinesi, ha affermato che le misure di ritorsione “dimostrano che la Cina è sensibile alle pressioni”.

Rispondi