La Spagna non ha ancora un governo dopo due mesi

Notiziario Estero – Podemos e Psoe non trovano l’accordo e la Spagna è ancora senza governo. Sanchez denuncia Iglesias di chiusura unilaterale.

La Spagna non ha ancora un governo dopo due mesi dalle elezioni vinte dai socialisti di Pedro Sanchez. La formazione di un esecutivo è in salita con una pendenza da cima Coppi. I negoziati tra il Partito Socialista e la sinistra radicale di Podemos, guidata da Pablo Iglesias, sono falliti. Sanchez ha accusato Iglesias di avere fatto una chiusura unilaterale a qualsiasi proposta. E così, sessanta giorni dopo le consultazioni elettorali, la Spagna si ritrova ancora senza un governo. Per i socialisti è impossibile trovare una maggioranza assoluta in Parlamento. Sanchez prova quindi a giocare la carta della formazione di un governo di minoranza, chiedendo un appoggio esterno ai radicali di Podemos o includendo nel governo tecnici da loro proposti. Ma Iglesias vuole una presenza di peso e su questo sono falliti i negoziati. Sarà quindi difficile per il leader socialista avere l’investitura a premier e far passare un suo governo in Parlamento.

Advertisements

Rispondi