Russia taglia gas a Olanda e società tedesche e danesi

La Russia ha ulteriormente interrotto le forniture di gas all’Europa. Il colosso energetico statale Gazprom ha chiuso i rubinetti a un importante trader olandese e ha interrotto i flussi verso alcune società in Danimarca e Germania. Dopo il blocco alla Finlandia, Mosca prosegue con lo stop delle foniture a altri Paesi.

L’intensificarsi della battaglia economica per l’invasione russa dell’Ucraina segue la decisione notturna dell’UE di imporre un embargo sulla maggior parte delle importazioni di petrolio russe come parte delle sanzioni finanziarie contro il Cremlino.

I leader dell’UE hanno affermato che il divieto avrà un impatto immediato sul 75% delle importazioni di petrolio russe, salendo al 90% entro la fine dell’anno.

Gazprom ha esteso i tagli al gas interrompendo la fornitura a GasTerra, che acquista e commercia gas per conto del governo olandese.

In seguito ha affermato che avrebbe anche interrotto i flussi di gas all’azienda energetica danese Ørsted e alla Shell Energy per il suo contratto per la fornitura di gas alla Germania, dopo che entrambe le società non hanno effettuato pagamenti in rubli.

GasTerra ha affermato di aver trovato contratti altrove per la fornitura dei 2 miliardi di metri cubi di gas che si aspettava di ricevere da Gazprom da qui a ottobre.

In vista dei colloqui a Bruxelles del 31 maggio, la Danimarca aveva segnalato che si aspettava la fine della fornitura di gas russa. Tuttavia, Ørsted ha affermato lunedì che un taglio del gas non metterebbe immediatamente a rischio le forniture di gas del paese.

Mosca ha già interrotto le forniture di gas naturale a Bulgaria, Polonia e Finlandia, dopo che si sono rifiutate di pagare in rubli russi.

Rispondi