Russia progetta mosse aggressive in Ucraina

La Russia ha in programma di intraprendere “mosse aggressive significative” contro l’Ucraina, ha avvertito il segretario di Stato americano Antony Blinken, mentre le tensioni tra Washington e Mosca continuano a crescere.

Dopo una riunione dei ministri della NATO a Riga, in Lettonia, Blinken ha affermato che gli Stati Uniti sono “profondamente preoccupati dalle prove che la “Russia ha fatto piani per significative mosse aggressive contro l’Ucraina”.

L’Ucraina ha accusato la Russia di dispiegare veicoli corazzati pesanti, sistemi di guerra elettronica e decine di migliaia di truppe lungo il confine condiviso dai due paesi.

Blinken ha detto ai giornalisti che gli Stati Uniti non sanno se il presidente russo Vladimir Putin “ha preso la decisione di invadere” l’Ucraina, tuttavia. “Sappiamo che sta mettendo in atto la capacità di farlo in breve tempo, se lo decidesse”, ha detto il principale diplomatico statunitense.

I commenti di Blinken arrivano alla vigilia dell’incontro previsto con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov a margine di un vertice dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa in Svezia – e sullo sfondo dei colloqui NATO guidati da Washington sull’Ucraina.

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha anche affermato che il personale dell’ambasciata statunitense che è a Mosca da più di tre anni è stato espulso in apparente rappresaglia per l’azione degli Stati Uniti contro 27 diplomatici russi a cui è stato chiesto di lasciare gli Stati Uniti.

Nonostante gli sforzi all’inizio di quest’anno per allentare le tensioni tra Washington e Mosca, la relazione è sotto pressione crescente tra le preoccupazioni occidentali per l’accumulo di truppe russe vicino all’Ucraina.

Rispondi