Russia lancia per la prima volta un missile ipersonico da un sottomarino

La Russia ha annunciato di aver lanciato con successo il 4 ottobre uno dei suoi nuovi missili ipersonici, lo Zircon (o Tsirkon), da un sottomarino nell’Artico. Il ministero della Difesa russo afferma che la nave ha testato l’arma su bersagli simulati nel Mare di Barents. Lo Zircon, che secondo Mosca è in grado di volare a nove volte la velocità del suono e ha una gittata di 1.000 chilometri, fa parte del catalogo di nuove armi ipersoniche che vanta il presidente russo Vladimir Putin. Pertanto, il paese eurasiatico cerca di rafforzare la sua capacità militare.

Il ministero della Difesa russo, che spera di completare i test Zircon entro la fine dell’anno, afferma che il sottomarino missilistico nucleare Severodvinsk ha sparato uno Zircon dalla superficie e poi, da una posizione sottomarina a una profondità di 40 metri nel Mar Bianco. “Il volo del missile, da quando è uscito dall’acqua fino a quando ha raggiunto il bersaglio simulato, ha rispettato pienamente i parametri previsti”, ha dichiarato in una nota il dipartimento guidato dal ministro Sergei Shoigu, uno degli uomini più vicini a Putin.

La difesa aveva già annunciato a luglio di aver testato più volte anche il lancio dello Zircon da una fregata. L’avviso ha suscitato preoccupazione nella Nato, che ha assicurato che con lo sviluppo di queste armi la Russia crea “un rischio maggiore di escalation e di errori di calcolo”. “I nuovi missili ipersonici russi sono altamente destabilizzanti, ponendo rischi significativi per la sicurezza e la stabilità nell’area euro-atlantica”, ha affermato l’Alleanza in una dichiarazione.

Il lancio dello Zircon arriva nello stesso momento in cui Mosca e Washington hanno ripreso tranquillamente i loro colloqui sulla stabilità strategica e sul controllo degli armamenti, dopo il vertice di giugno tra Putin e il suo omologo statunitense, Joe Biden.

Rispondi