Russia blocca gas a Polonia e Bulgaria

La società energetica russa Gazprom ha detto a Polonia e Bulgaria che smetterà di inviare gas ai due paesi dal 27 aprile.

La Russia blocca il gas a Polonia e Bulgaria a partire da questa mattina, 27 aprile, alle 8.00.

La società statale polacca del gas PGNiG ha dichiarato che tutte le consegne di gas sarebbero state interrotte.

Anche il ministero dell’Energia bulgaro ha affermato di essere stato informato che le consegne sarebbero state sospese dal 27 aprile.

La decisione arriva dopo che la Russia ha detto che i paesi “ostili” devono iniziare a pagare il gas in rubli o taglierebbero le forniture.

Entrambi i paesi si sono rifiutati di pagare in questo modo.

PGNiG si affida a Gazprom per la maggior parte delle sue importazioni di gas e ha acquistato il 53% delle sue importazioni dalla società russa nel primo trimestre di quest’anno.

Ha descritto la sospensione come una violazione del contratto, aggiungendo che la società avrebbe preso provvedimenti per ripristinare il flusso di gas.

La Bulgaria, che fa affidamento su Gazprom per oltre il 90% della sua fornitura di gas, ha affermato di aver adottato misure per trovare fonti alternative ma al momento non sono richieste restrizioni al consumo di gas.

Il ministero dell’Energia del paese ha affermato che la Bulgaria ha adempiuto ai propri obblighi ai sensi dell’attuale contratto con Gazprom e ha effettuato tutti i pagamenti richiesti.

1 COMMENT

Rispondi