Nato avverte la Russia siamo dalla parte dell'Ucraina

La Nato risponde all’allarme dell’Ucraina che ha denunciato la presenza di 100.000 militari russi vicino al confine.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha avvertito la Russia che l’alleanza militare occidentale sta al fianco di Kiev nella situazione attuale di insolita concentrazione di truppe russe ai confini dell’Ucraina. Lo riporta l’agenzia Reuters.

Sottolineando che l’importante ora è impedire che le situazioni sfuggano al controllo, Stoltenberg ha esortato la Russia a essere trasparente sulle attività militari, a ridurre le tensioni e prevenire un’escalation.

“Dobbiamo essere lucidi, dobbiamo essere realistici riguardo alle sfide che dobbiamo affrontare. E quello che vediamo è un significativo, grande assembramento militare russo”, ha detto Stoltenberg in una conferenza stampa con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba a Bruxelles.

Stoltenberg ha anche aggiunto: “Vediamo un’insolita concentrazione di truppe e sappiamo che la Russia è stata disposta a usare questo tipo di capacità militari prima di condurre azioni aggressive contro l’Ucraina”.

Nello stesso anno, i separatisti sostenuti dalla Russia hanno preso il controllo della regione orientale del Donbass in Ucraina e i soldati di entrambe le parti continuano a essere regolarmente uccisi nel conflitto.

La concentrazione di truppe al confine – che l’Ucraina la scorsa settimana ha stimato in 100.000 – è stato pericoloso, ha affermato Stoltenberg, perché ha ridotto la quantità di tempo di preavviso, se la Russia decidesse di “condurre un’azione militare aggressiva contro l’Ucraina”.

Rispondi