La Lituania teme la Russia e reintroduce la leva obbligatoria

In Lituania torna temporaneamente il servizio militare obbligatorio. Lo annuncia la presidente Dalia Grybauskaite dopo una riunione di emergenza del Consiglio di Difesa nazionale. La scelta, ha spiegato la presidente, è dovuta alla minaccia russa. “Il contesto geopolitico attuale richiede il rafforzamento e l’accelerazione del reclutamento per l’esercito”, ha aggiunto la Dalia Grybauskaite.

La leva obbligatoria dovrebbe riguardare 3500 persone l’anno di età compresa tra i 19 e i 26 anni e per nove mesi. La proposta deve ancora andare in Parlamento. L’esercito ltuano è composto da 8 mila uomini e da circa 4500 riservisti. Il servizio militare obbligatorio è stato in vigore fino al 2008, anno in cui fu abolito. Con la crisi ucraina, i Paesi Baltici hanno visto riemergere gli antichi timori di ambizioni russe sull’area del Baltico.

Advertisements

1 COMMENT

Rispondi