Israele lancia raid aerei in Sria contro obiettivi iraniani

Israele mette nel mirino obiettivi filo-iraniani in Siria e lancia un pesante raid aereo. Colpite la città di Al Bukamal e la provincia di Deir al Zor, vicine alla frontiera l’Irak.

Israele ha lanciato questa mattina un pesante raid aereo in Siria contro obiettivi di miliziani filo-iraniani. L’attacco è avvenuto vicino alla frontiera con l’Iraq. E’ uno dei più potenti raid dal cielo condotti dall’esercito israeliano in Siria. Israele ha intensificato la sua campagna militare contro bersagli filo-iraniani. Il governo di Tel Aviv ha scelto una politica aggressiva per indebolire la posizione iraniana prima dell’insediamento alla Casa Bianca il 20 gennaio di Joe Biden. il neo-presidente potrebbe infatti rimodulare la “politica della pressione massima” avviata da Donald Trump verso l’Iran. Secondo i media siriani, citati dalla Reuters, i caccia con la stella di Davide hanno colpito la città siriana di Al Bukamal dove c’è anche il checkpoint di frontiera lungo l’autostrada Baghdad-Damasco. L’autostrada è anche lo strumento di connessione tra Iran e i suoi miliziani operativi in Siria e Libano. L’attacco dei jet israeliani ha anche colpito la provincia di Deir al Zor, un’area dove sono radicati i gruppi filo-iraniani e miliziani della Guardia Rivoluzionaria dell’Iran. Gli Stati Uniti hanno un piccolo contingente di soldati a Tanf, una base militare vicina a Al Bukamal. Secondo fonti delle intelligence occidentali, gli attacchi militari (che proseguono da mesi n.d.r.) sono parte di una guerra segreta voluta dal presente Trump. Il governo del premier Netanyahu ha fatto sapere che i raid sono orientati a scrivere la parola fine alla presenza militare iraniana in Siria.

Rispondi