In Iraq 13 turchi uccisi dai curdi in una caverna

I militanti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK)  hanno giustiziato 13 turchi rapiti, tra cui personale militare e di polizia, in una grotta nel nord dell’Iraq, hanno detto funzionari turchi nel corso di un’operazione militare contro il gruppo.

Quarantotto militanti del PKK sono stati uccisi durante l’operazione militare, mentre tre soldati turchi sono rimasti uccisi e tre feriti, ha detto in un comunicato il ministro della Difesa Hulusi Akar. Dodici dei turchi rapiti erano stati colpiti alla testa e uno alla spalla, ha detto.

La Turchia ha lanciato l’operazione militare contro il PKK nella regione di Gara nel nord dell’Iraq, a circa 35 km (22 miglia) a sud del confine turco, il 10 febbraio per proteggere la sua frontiera e trovare cittadini che erano stati rapiti in precedenza, ha detto.

Rispondi