Incontro Usa talebani in Qatar

Gli Usa e i talebani hanno avuto “discussioni produttive” sulla questione dell’assistenza umanitaria per l’Afghanistan durante gli incontri in Qatar nel fine settimana. Lo ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price, descrivendo i colloqui come “ampiamente positivi”.

Funzionari hanno discusso dell’accesso umanitario durante i due giorni di incontri tra rappresentanti talebani e funzionari statunitensi, inclusi alcuni della comunità dell’intelligence e dell’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale.

Price ha affermato che i colloqui si sono concentrati sulle preoccupazioni per la sicurezza e il terrorismo, il passaggio sicuro per i cittadini stranieri e gli alleati afgani degli Stati Uniti per lasciare il paese, nonché sui diritti umani.

Washington ha ripetutamente invitato i nuovi governanti dell’Afghanistan a dimostrare rispetto per i diritti umani, compresi i diritti delle donne e delle ragazze, al fine di conquistare la legittimità internazionale.

“La delegazione ha chiarito, come abbiamo sempre fatto, che i talebani alla fine saranno giudicati non solo per le sue parole ma esclusivamente per le sue azioni”, ha detto Price.

Martedì si è svolto un incontro separato con i rappresentanti dei talebani che hanno coinvolto funzionari dell’Unione europea e funzionari degli Stati Uniti, ha aggiunto Price.

Da quando i talebani hanno preso il potere ad agosto, Washington ha congelato l’assistenza bilaterale all’Afghanistan, ma afferma che sta ancora fornendo aiuti attraverso gruppi non governativi. Ci sono richieste affinché le riserve governative detenute negli Stati Uniti siano messe a disposizione del nuovo governo guidato dai talebani per alleviare una crescente crisi umanitaria.

Rispondi