In Brasile 1500 arresti

0
43

Dopo l’assalto alle sedi istituzionali da parte dei sostenitori di Bolsonaro, la polizia ha arrestato 1500 persone.

Le forze di sicurezza hanno arrestato 1.500 persone dopo che i sostenitori dell’ex presidente di estrema destra Jair Bolsonaro hanno fatto irruzione negli edifici governativi a Brasilia. L’8 gennaio migliaia di manifestanti hanno saccheggiato l’edificio del Congresso, il palazzo presidenziale e la Corte Suprema. Un giudice della corte suprema ha ordinato lo smantellamento dei campi fuori dal quartier generale dell’esercito nella capitale e in altri siti. Bolsonaro ha perso le elezioni presidenziali in ottobre contro Luiz Inácio Lula da Silva, di sinistra, dopo aver rilasciato affermazioni prive di fondamento sui sistemi di voto.
Molti dei suoi sostenitori si sono rifiutati di accettare il risultato e alcuni si sono accampati fuori dagli edifici dell’esercito in tutto il paese chiedendo un intervento militare.
Bolsonaro ha negato di aver incoraggiato l’attacco, dicendo che quanto accaduto è andato oltre la protesta democratica. I leader mondiali, incluso il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, hanno condannato le rivolte come un attacco alla democrazia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here