riarmo giapponese

Il Giappone ha annunciato che avvierà un riarmo militare da 320 miliardi di dollari. Un budget una volta impensabile per il paese. Tokyo ritiene che in questo modo si doterà di missili in grado di colpire la Cina e sarebbe preparato per un conflitto prolungato mentre le tensioni regionali e l’invasione russa dell’Ucraina alimentavano i timori di guerra.

Il governo del primo ministro Fumio Kishida teme che la Russia abbia creato un precedente che incoraggerà la Cina ad attaccare Taiwan, minacciando le vicine isole giapponesi, interrompendo le forniture di semiconduttori avanzati e mettendo una potenziale morsa sulle rotte marittime che forniscono petrolio dal Medio Oriente.

La costituzione giapponese del secondo dopoguerra non riconosce ufficialmente l’esercito e lo limita a capacità nominalmente autodifensive.

Nel suo ampio piano quinquennale e nella rinnovata strategia di sicurezza nazionale, il governo ha dichiarato che accumulerà anche pezzi di ricambio e altre munizioni, rafforzerà la logistica, svilupperà capacità di guerra informatica e coopererà più strettamente con gli Stati Uniti e altri che la pensano allo stesso modo nazioni per scoraggiare le minacce all’ordine internazionale stabilito.

Rispondi