Alta tensione tra Messico e Perù dopo che il governo messicano ha ospitato la famiglia dell’ex presidente Pedro Castillo.

Una giornata ad alta tensione per le relazioni tra Messico e Perù. Il Messico ha annunciato di aver concesso asilo alla famiglia del deposto presidente peruviano Pedro Castillo. Ore dopo, il Perù ha dichiarato persona non grata l’ambasciatore messicano a Lima e gli ha ordinato di andarsene entro 72 ore.

Il ministero degli Esteri peruviano ha detto che la moglie di Castillo, Lilia Paredes, è sotto inchiesta penale nel paese sudamericano, dove le accuse di corruzione hanno portato in carcere il marito.

Paredes e i due figli della coppia erano all’ambasciata messicana a Lima. Il Perù ha detto che avrebbe permesso alla famiglia di partire per il Messico, ma potrebbe in seguito chiedere al Messico di estradare Paredes Navarro se alla fine dovesse affrontare qualsiasi accusa in Perù.

Il ministero degli Esteri del Perù ha dichiarato nei suoi account sui social media che stava espellendo l’ambasciatore messicano Pablo Monroy a causa “della ripetuta dichiarazione delle più alte autorità di quel paese sulla situazione politica in Perù”.

Il riferimento è al presidente messicano Andrés Manuel López Obrador, che ha affermato che la rimozione dall’incarico di Castillo dopo aver tentato di sciogliere il Congresso del Perù il 7 dicembre è stata impropria.

I legislatori peruviani hanno rapidamente estromesso Castillo lo stesso giorno ed è stato posto agli arresti, sottoposto a indagine con l’accusa di aver tentato di usurpare il potere in violazione dell’ordine costituzionale del paese.

Rispondi