Harvard fa i conti con la sua storia

La prestigiosa istituzione universitaria riconosce che deve in gran parte la sua enorme fortuna ai leader che si sono arricchiti grazie al lavoro delle persone ridotte in schiavitù.

Leggo su El Paìs questa notizia interessante. Harvard fa i conti con la sua storia. Come altre prestigiose università quali Georgetown, Brown e Princeton hanno già deciso di fare, Harvard ha annunciato che destinerà 100 milioni di dollari per creare un fondo destinato a proseguire le indagini sulla storia della schiavitù e collaborare con i discendenti di neri e nativi americani che furono ridotti in schiavitù da quell’istituto di istruzione.

La dichiarazione assicura che un comitato di esperti ha affrontato “gli ampi legami con la schiavitù” dell’università e come le persone ridotte in schiavitù abbiano svolto “un ruolo importante” nella sua storia istituzionale, compreso il lavoro di oltre 70 schiavi che hanno sostenuto i membri della facoltà di Harvard , personale e presidenti, e ciò ha arricchito “numerosi donatori e, in definitiva, l’istituzione”.

“Harvard ha tratto profitto e in qualche modo ha perpetuato pratiche profondamente immorali”, si legge nella dichiarazione, aggiungendo che la comunità universitaria ha la “responsabilità morale” di fare il possibile per “affrontare i persistenti effetti corrosivi di queste pratiche”. nelle persone, ad Harvard e nella nostra società”.

L’impegno finanziario di Harvard è pari ai 100 milioni di dollari promessi dai leader della conferenza dei sacerdoti gesuiti nel marzo 2021 per la riconciliazione razziale ea beneficio dei discendenti di 272 schiavi venduti nel 1838 per pagare i debiti della Georgetown University.

Gran parte della storia di Harvard sulla schiavitù e la discriminazione razziale è nota da anni. Ma l’attuale rapporto ha cercato di approfondire tale conoscenza. Pertanto, è stabilito che cinque uomini che hanno fatto fortuna con la schiavitù e i prodotti di base prodotti dagli schiavi rappresentavano più di un terzo delle donazioni o delle promesse finanziarie che Harvard ricevette da individui durante la prima metà del diciannovesimo secolo.

A sua volta, la prestigiosa istituzione ha ospitato intellettuali che hanno promosso la “scienza razziale” e l’eugenetica nel XIX e XX secolo. Le sue teorie e ricerche, inclusa la raccolta di fotografie di persone ridotte in schiavitù e studenti nudi, hanno fornito un supporto cruciale a coloro che cercano di giustificare la supremazia bianca e altre ideologie razziste. Le collezioni museali dell’università contengono anche resti umani che si ritiene appartengano a popolazioni indigene e schiavi di origine africana.

Il risultato è netto: l’università con sede nel Massachusetts, fondata nel 1636 e la più antica degli Stati Uniti, deve la sua enorme fortuna in gran parte ai leader che si sono arricchiti grazie al lavoro delle persone ridotte in schiavitù.

Rispondi