Israele e Hamas hanno annunciato il cessate il fuoco a partire dalle due di questa notte. Il governo israeliano ha comunicato di cessare l’uso delle armi, accettando la proposta di mediazione egiziana. La stampa israeliana riporta la notizia. Hamas aveva già accettato la tregua due giorni fa quando l’Egitto fece la proposta.

Fonti stampa israeliane scrivono da giorni di un possibile accordo di cessate il fuoco nella guerra Israele Palestina. Per esempio il sito web di informazione Walla, che cita funzionari israeliani. Lo stop ai bombardamenti, riportava, potrebbe arrivare a seguito delle forti pressioni da parte degli Stati Uniti.

Il presidente Usa Joe Biden ha avuto un colloquio telefonico con Benjamin Netanyahu. Il presidente ha riconosciuto il diritto di Israele a difendersi e ha promesso sostegno agli israeliani e ai palestinesi di Gaza se raggiungono un cessate il fuoco.

Intanto, era rimasta aperta la mediazione dell’Egitto che ha proposto un cessate il fuoco a partire dal 20 maggio. Hamas ha accolto l’appello, mentre nessuna risposta era arrivata da Israele. Ora finalmente la decisione del governo israeliano.

C’era stata anche la proposta avanzata da Francia, Egitto e Giordania e presentata al Consiglio di Sicurezza. Prevedeva il cessate il fuoco per permettere azioni umanitarie a favore della popolazione di Gaza. La Cina ha annunciato di appoggiare la mediazione trilaterale guidata dalla Francia. Tre i punti della proposta: cessate il fuoco, cessazione del lancio di razzi, risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu sulla vicenda. La proposta non è passata.

Le speranze di un cessate il fuoco erano arrivate da Moussa Abu Marzouk, alto funzionario del movimento di Hamas, che in un’intervista alla Tv libica avevs detto che arriverà il cessate il fuoco entro uno o due giorni. La storia gli ha dato ragione.

Rispondi