Detroit sarà la città della moda

Un servizio del New York Times si chiede se Detroit sarà il prossimo centro della moda. C’è un brand che ha lanciato nuove e originali idee e non ha nulla da invidiare a New York.

Cassidy, 27 anni, e Kelsey, 25, sono i fondatori di Deviate, una linea di abbigliamento da strada e da lavoro giocosa e unisex, introdotta alla fine del 2018 e prodotta interamente a Detroit. Le sorelle amano e credono così tanto nell’energia creativa nelle loro città natale che il loro intero modello di business è costruito attorno alla condivisione del progetto.

Hanno reclutato oltre 50 artisti locali – designer di moda e tessili, muralisti, illustratori, grafici e ceramisti – per contribuire con il lavoro alla vetrina “Don’t Sleep on Detroit”, che include anche la presentazione della moda autunno 2022 di DeWitt.

L’idea alla base della mostra, che si terrà come evento per la stampa e l’industria a New York il 2 e 3 febbraio, è quella di portare il mondo creativo di Detroit nei grandi appuntamenti. La vetrina tornerà a Detroit e sarà aperta al pubblico entro la fine dell’anno.

Detroit è stata a lungo nell’orbita della moda. Il rivenditore altamente influente Linda Dresner, che ha il merito di aver portato Jil Sander, Martin Margiela e Comme des Garçons negli Stati Uniti, ha gestito per decenni negozi a New York e Birmingham, Michigan, a circa mezz’ora da Detroit. Tracy Reese, una delle poche designer nere che è stata un pilastro della scena newyorkese, è tornata a Detroit nel 2019 per iniziare la sua collezione permanente, Hope for Flowers. Carhartt, il brand di abbigliamento da lavoro sempre più legato alla moda street e promozionale, nasce a Detroit nel 1889.

Nell’ultimo anno o due, l’interesse per Detroit è stato riacceso da attori globali: Gucci ha debuttato in una collaborazione con l’etichetta della città natale Detroit Vs. Fondata da Tommy Walker Jr. per una capsule collection di T-shirts for Everyone, e annunciata l’apertura di un nuovo store nel centro di Detroit; Herms ha aperto un negozio in città; e ad ottobre Bottega Veneta ha messo in scena l’ultima sfilata del direttore creativo Daniel Lee per la maison a Detroit.

Rispondi