Democrazia e Transizione Ambientale

0
48

Un convegno a Napoli per indagare le esperienze dell’area Euro-Mediterranea.
Si intitola “Democrazia & Transizione Ambientale, esperienze Euro Mediterranee” il convegno organizzato da Fondazione ITS Bact Academy, Fondazione Gian Battista Vico e Università della Campania Vanvitelli nell’ambito delle attività dell’Osservatorio Euro Mediterraneo Mar Nero strumento di lavoro del network internazionale Fispmed, affiancato da Fare Ambiente, Progetto Sud, Eumed per l’edizione 2023 tenutosi il 14 ottobre a Napoli nella sede di ITS Bact Academy.

L’evento ha eletto a filo conduttore la richiesta di pace, in un momento di poli-crisi come l’attuale, in cui le popolazioni del Medio Oriente e dell’Est Europa si trovano a dover fronteggiare una situazione drammatica.

L’intento è anche quello di superare il catastrofismo dell’informazione: «Le politiche ambientali – ha detto il presidente di FareAmbiente e Università della Campania Vanvitelli, Vincenzo Pepe – devono tendere più alla scienza ed essere meno fondamentaliste. Dobbiamo lavorare alla continua ricerca di equilibrio e ragionevolezza. I sì o i no a priori non esistono nel campo della transizione ambientale. Nell’area del Mediterraneo vanno messi al centro il sociale e l’inclusione che possono fare di queste politiche sull’ambiente e sulla salute il nostro futuro. Ecco perché il documento. Oggi da Napoli vogliamo partire per contribuire a un nuovo metodo».

Tra i temi al centro del seminario la transizione green e le politiche di sostenibilità ambientale tra innovazione e conservazione, nonché il ruolo della comunicazione istituzionale e aziendale.

Si è parlato di dieta Mediterranea, e della scarsa consapevolezza nei cittadini, di orientamento dei consumatori e del biologico.

Tra i relatori Aniello Di Vuolo, presidente Its Bact Academy; Paolo Lanzoni, press office manager Sace; Luigi Maria Pepe presidente della Fondazione G. B Vico, Roberto Russo, presidente Fispmed e coordinatore dell’Osservatorio Euro Mediterraneo; Anna Rea, presidente Adoc, Stefano Stanzione, presidente Centro Studi Regione del Mezzogiorno Eumed

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here