Cosa sappiamo dell'incontro tra Biden e Putin

Biden e Putin hanno avuto il loro primo incontro. Cibersicurezza e stabilità strategica al centro del colloquio.

I presidenti Joe Biden, degli Stati Uniti, e Vladimir Putin, della Russia, hanno concordato a Ginevra (Svizzera) di restituire i rispettivi ambasciatori, ritirati al culmine delle tensioni, e di avviare consultazioni per estendere l’ultimo patto nucleare che condividono. Oltre a ciò, rimangono punti di attrito e disaccordi. In conferenze stampa separate, i leader hanno insistito sulle loro linee rosse. Putin, che ha parlato per primo, ha accusato Washington di aver finanziato l’opposizione per indebolirlo come avversario. Biden, che si è concentrato sugli attacchi informatici che i suoi servizi di intelligence attribuiscono a Mosca e sulla violazione dei diritti umani in Russia, ha avvertito il Cremlino che risponderà alle minacce. “Penso che l’ultima cosa che [la Russia] vuole sia una nuova guerra fredda”, ha detto il presidente degli Stati Uniti in tono severo e istituzionale.

Un incontro bilaterale tra i vecchi nemici della Guerra Fredda porta sempre con sé la sua dose di tensione, ma quando i loro leader si conoscono da tanto tempo e sono arrivati ​​ad accusarsi a vicenda di essere assassini e senza anima – Biden a Putin -, l’incertezza raggiunge un’altra categoria. Anche il rapporto tra i due Paesi sta attraversando il suo momento peggiore dalla caduta dell’URSS, tra un’escalation di sanzioni ed espulsioni di diplomatici per l’ingerenza elettorale del Cremlino, attacchi informatici e repressione degli oppositori in Russia, con la arresto di Alexei Navalni come simbolo. La breve dichiarazione istituzionale concordata tra i due Paesi ha tutte quelle reminiscenze: “Anche in tempi di tensione, si possono fare progressi negli obiettivi condivisi di garantire stabilità in un contesto strategico, ridurre il rischio di conflitti armati e la minaccia di guerra nucleare. “, sottolinea il testo, diffuso dal Cremlino.

Biden ha definito “pratica” l’incontro di Ginevra, in un palazzo sulle rive del lago. Putin, come “costruttivo” e “senza ostilità”. Ma le tensioni sono state palpabili. Sul tavolo, uno dei più aridi: la cybersecurity. Seriamente, Biden ha assicurato di aver fornito a Putin un elenco di avvertenze che dettaglia 16 settori chiave che dovrebbero essere esclusi dagli attacchi informatici. “Ho chiarito che la mia agenda non è contro la Russia, ma a favore del popolo americano”, ha detto. Se gli attacchi persistono, ha sottolineato, “risponderemo”.

Poco prima, il leader russo, che aveva lasciato intendere che si parlava della possibilità di creare un gruppo di esperti sulla sicurezza informatica, non solo ha smentito categoricamente che Mosca abbia qualcosa a che fare con la serie di attacchi informatici contro l’amministrazione Usa e infrastrutture chiave, ma anche che ha notato che anche la Russia ha sofferto di minacce informatiche da Washington. “Bisogna smettere di fare insinuazioni, sedersi e iniziare a lavorare a livello di esperti”, ha sottolineato Putin. Nonostante la consueta dialettica, il leader russo ha lasciato aperta un’insolita seppur piccola porta alla cooperazione, parlando di concordare “regole di comportamento”.

Il presidente russo ha riconosciuto che Biden ha sollevato la situazione dei diritti umani in Russia e la repressione dell’opposizione, ma con il suo solito tono di sfida e duro, Putin ha accusato gli Stati Uniti di sostenere i gruppi di opposizione nel paese eurasiatico per indebolirlo. è un “avversario”. Il russo, che ha ripetuto che la sua politica interna non è e non sarà mai in discussione, ha insistito sul fatto che l’Occidente non può dare lezioni sui diritti umani per questioni come le guerre in Iran e Afghanistan o il carcere di Guantanamo. E ha accennato alle proteste contro il razzismo e le rivolte della scorsa estate negli Stati Uniti e all’assalto al Campidoglio del 6 gennaio. Biden, che ha sottolineato che i diritti umani sono “nel DNA” della sua agenda, ha insistito sul fatto che l’agenda di Washington non è “contro la Russia” ma “difendere gli interessi del popolo degli Stati Uniti”.

Putin ha avuto invece parole di elogio per Biden, che ha definito “equilibrato”, “professionale”, “molto esperto”. L’americano, dice, gli ha raccontato molto della sua famiglia e di sua madre, il che “parla al livello della sua morale”. Il presidente degli Stati Uniti ha sottolineato che non ci sono state “minacce” o “iperboli”. Anche se se Navalni muore, ha avvertito, “le conseguenze per la Russia saranno devastanti”.

Volutamente, l’amministrazione Usa ha evitato di precisare gli obiettivi del vertice, oltre a gettare le basi di una “prevedibilità e razionalità” nei rapporti con la Russia, e ha avuto cura di abbassare le aspettative. Biden ha evitato di entrare a qualificare la giornata come successo o fallimento, ha resistito ad azzardare i risultati e, soprattutto, a parlare di “fiducia” nei confronti del russo. “Non si tratta di fiducia, si tratta di reciproco interesse”, ha detto, “il vero test sarà tra sei mesi”. “C’è una possibilità di miglioramento senza cedere a nessuno dei nostri principi”, ha sottolineato.

Anche Putin non ha fatto il punto, ma ha cercato di dimostrare che c’è volontà ma anche incertezza. “Leon Tolstoj una volta disse: ‘Non c’è felicità nella vita, ci sono solo barlumi'”, ha citato Putin. “Penso che in questa situazione non possa esserci alcun tipo di fiducia familiare. Ma penso che abbiamo visto alcuni scorci “, ha aggiunto.

Il vertice, iniziato dopo l’una del pomeriggio con grande attesa, grandi perplessità e un’agenda che era un campo minato, è durato circa quattro ore; un po’ meno del previsto. L’asprezza dell’agenda contrastava con lo scenario spettacolare, un palazzo del XVIII secolo su una verde collina che domina il Lago di Ginevra. In questo scenario idilliaco, la Svizzera ha dispiegato più di 4000 poliziotti e militari. La città, in particolare il centro e i dintorni di Villa La Grange, dal nome del palazzo, sono blindati.

Ginevra è stata teatro di appuntamenti cruciali tra Washington e Mosca. Nel novembre 1985, nelle fasi finali della Guerra Fredda, Ronald Reagan e Mikhail Gorbachev, l’ultimo presidente dell’ex URSS, si incontrarono lì. Nella prima fase del conflitto, nel 1955, vi furono menzionati Dwight Eisenhower e Nikita Krusciov, all’interno del cosiddetto vertice dei Big Four (insieme a Francia e Regno Unito). Ma la discussione non ha avuto come argomento principale le teste nucleari, come 70 anni fa, ma piuttosto su una nuova era di ostilità: la cybersecurity. L’infiltrazione e l’assedio delle apparecchiature informatiche del governo, da un lato; e la delinquenza di gruppi che dirottano dati aziendali e chiedono cifre milionarie come riscatto, dall’altro.

Washington accusa Mosca non solo della grande operazione di interferenza elettorale del 2016, ma anche di essere penetrata nelle viscere dell’amministrazione Usa, come i computer del Dipartimento del Tesoro, come accaduto con il caso Solarwinds la scorsa primavera. Quanto agli attacchi informatici di alto profilo come quello che ha costretto alla fermata del grande oleodotto coloniale sulla East Coast, una delle più grandi arterie energetiche degli Stati Uniti, Biden non stabilisce legami con il Cremlino, ma crede che questi gruppi operano dalla Russia e che quindi Putin dovrebbe aiutare a fermarli. Sei anni dopo l’invasione dell’Ucraina, il Cremlino mantiene l’annessione illegale della Crimea e, sebbene non sia andata oltre, nulla indica che questo vertice farà luce su un cambiamento sostanziale in questo conflitto.

Putin, che di solito ama aspettare, è arrivato per primo all’appuntamento, vistosamente puntuale, seguito da Biden. Verso l’una e mezza del pomeriggio, entrambi i leader si sono salutati davanti all’ospite, il presidente svizzero Guy Parmelin, che li ha ricevuti all’ingresso. “È sempre meglio incontrarsi faccia a faccia”, ha detto il nordamericano. Il russo, che ha ringraziato il suo omologo per l’iniziativa del vertice, aveva indicato di aspettarsi una giornata “produttiva”.

L’incontro, in cui Putin ha ignorato la domanda di un giornalista se teme l’opposizione Navalni, che sta scontando due anni e otto mesi in una prigione russa per un caso controverso, è iniziato con un po’ di caos quando giornalisti, telecamere e fotografi sono loro si sono affollati per entrare nella sala dove sono stati celebrati i saluti iniziali creando un tumulto e un coro di grida che entrambi i capi hanno osservato dall’interno. Il primo round di colloqui, in una delle biblioteche, ha visto la partecipazione dei ministri degli esteri, l’americano Antony Blinken e il russo Sergei Lavrov. È finito circa due ore dopo.

Biden è arrivato martedì sera a Ginevra, ultima tappa di un viaggio in Europa, mentre Putin, che di solito evita di passare la notte, è arrivato questa mattina da Sochi, per rientrare a fine giornata, al suo primo viaggio internazionale dal iniziata la pandemia. La Casa Bianca e il Cremlino hanno anticipato che erano previste tra le quattro e le cinque ore di riunione, dopodiché ciascuna avrebbe tenuto una conferenza stampa separata davanti ai giornalisti delle rispettive delegazioni, come è avvenuto.

I paesi hanno spazio di manovra per le armi nucleari. Hanno rinnovato il trattato di non proliferazione New Start poco dopo l’arrivo di Biden alla Casa Bianca e si potrebbe tentare di estendere tale quadro. Condividono anche l’interesse per la riduzione delle sanzioni che colpiscono i diplomatici e causano danni quotidiani sia ai governi che ai loro cittadini. Washington ha costretto Mosca a chiudere i consolati di Seattle e San Francisco, accusati di spionaggio, nonché la missione commerciale nella capitale statunitense, a seguito dell’ingerenza del 2016. In risposta, il Cremlino ha imposto la chiusura anche di altre rappresentanze diplomatiche degli Stati Uniti in Russia.

Si tratta del primo incontro tra i vertici di questi due Paesi dopo quello tenuto nell’estate del 2018 da Putin e dall’allora presidente Donald Trump, che ha lasciato gli Stati Uniti – e mezzo mondo – senza parole per la cordialità dimostrata dall’americano dato le gravi accuse di interferenza di cui si sono occupati; Anche se quell’armonia non si è tradotta in reali cambiamenti o in una riduzione delle sanzioni contro la Russia.

Rispondi