I sostenitori di Bolsonaro assaltano le sedi istituzionali del Brasile
Foto Cnn

Brasile nel caos. I sostenitori dell’ex-presidente rifiutano i risultati elettorali. I supporter di Bolsonaro assaltano le sedi istituzionali del paese.

I sostenitori dell’ex presidente brasiliano di estrema destra, Jair Bolsonaro, hanno preso d’assalto il Congresso e la Corte Suprema e hanno circondato il palazzo presidenziale.

Le scene drammatiche arrivano una settimana dopo l’inaugurazione del veterano di sinistra Luiz Inácio Lula da Silva.

Ritorno a sinistra: il Brasile ha scelto Lula

I sostenitori di Bolsonaro – che si rifiutano di accettare che abbia perso le elezioni – hanno sfondato le barriere della polizia nella capitale Brasilia.

La polizia ha usato gas lacrimogeni ma non è riuscita a respingere i manifestanti.

I manifestanti hanno rotto le finestre, mentre altri hanno raggiunto l’aula del Senato, dove sono saltati sulle sedie e hanno usato le panche come scivoli.

In molti stanno facendo paragoni con l’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021 da parte dei sostenitori di Donald Trump, un alleato di Bolsonaro.

I sostenitori di Bolsonaro chiedono l’intervento militare e le dimissioni di Lula, che ha sconfitto il suo rivale di estrema destra nelle elezioni di ottobre.

I manifestanti hanno creato accampamenti nelle città di tutto il Brasile, alcuni fuori dalle caserme militari. Questo perché i suoi sostenitori vogliono che i militari intervengano e indicano nuove elezioni, sostenendo che quelle di ottobre siano state rubate.

Sembrava che il loro movimento si fosse esaurito  con l’inaugurazione di Lula: gli accampamenti di Brasilia erano stati smantellati e non ci sono state interruzioni il giorno in cui il presidente ha prestato giuramento.

Ma i fatti odierni mostrano che quelle previsioni erano premature. Lula è attualmente in viaggio ufficiale nello stato di San Paolo. Nel suo discorso di insediamento, ha promesso di ricostruire un Paese in “terribili rovine”. Ha denunciato le politiche del suo predecessore, che si è recato negli Stati Uniti per evitare la cerimonia di consegna.

Rispondi