Blinken speiga che la Russia attaccherà l'Ucraina entro la fine di febbraio

Ci sono molti segnali di un’invasione russa dell’Ucraina. Forse entro il 20 febbraio. Per la Nato c’è un rischio reale di un conflitto armato in Europa.

Gli Stati Uniti e la Nato sono quasi rassegnati: in Ucraina ci sarà un conflitto. Secondo il segretario di Stato Anthony Blinken la Russia potrebbe invadere l’Ucraina prima della fine dei giochi olimpici invernali, che si chiudono il 20 febbraio. Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, è convinto che c’è un rischio di un conflitto armato in Europa.

Cosa succede in Ucraina. Si va verso una guerra?

Stoltenberg ha parlato dalla Romania sui rischi di guerra. Qui gli Stati Uniti hanno stanziato una base militare e soldati. Per il capo della Nato i rischi non sono diminuiti perché gli sforzi diplomatici non hanno portato a molto e i russi continuano a tenere i propri contingenti militari vicino ai confini ucraini e fanno esercitazioni in Bielorussia. Washington ha fatto sapere che sta valutando di stanziare una presenza militare in Romania per molto tempo. Mosca risponde che gli americani sono alla ricerca di un pretesto per far crescere la presenza militare vicino alla Russia.

Blinken invece ha messo in evidenza che la guerra in Europa potrebbe scoppiare in qualsiasi momento. La Russia, ha spiegato, potrebbe tentare l’invasione dell’Ucraina ancora prima delle Olimpiadi invernali di Pechino. Prima quindi del 20 febbraio. Di conseguenza, il Dipartimento di Stati ha cominciato a ridurre il personale presso la sua ambasciata a Kiev e ha rivolto un nuovo invito ai cittadini americani a lasciare l’Ucraina. Sono tutti segnali, come ha spiegato lo stesso segretario di Stato, di una possibile invasione russa.

 

2 COMMENTS

Rispondi