“Enorme impatto umanitario”. L’Onu lancia l’allarme in vista dell’offensiva su Mosul, la città roccaforte dell’Isis in Iraq. Da mesi si parla di una grande offensiva di terra da parte delle forze irachene supportate dall’aviazione della coalizione guidata dagli Stati Uniti. Le Nazioni Unite hanno scritto che le conseguenze umanitarie saranno “enormi” e quindi bisogna prepararsi a organizzare l’emergenza. Sono circa un milione e duecentomila le persone che vivono a Mosul e dintorni e che potrebbero essere colpite dalle operazioni per cacciare i miliziani jihadisti dalla città. Almeno 120.000 persone sono già fuggite a marzo quando sono cominciati i primi scontri e combattimenti attorno alla città. Mosul è in mano all’Isis dal giugno 2014 ed è la seconda città più popolata dell’Iraq.

1 COMMENT

Rispondi