Armi nucleari: la Cina vota per il divieto all'Onu ma potenzia il suo arsenale

Pechino segue la linea di Mosca e Washington e, sebbene firmi contro la proliferazione delle armi atomiche, non ha intenzione di fermarne la produzione. Il giorno dopo che i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui si impegnavano a evitare una guerra nucleare – che “non può essere vinta e non deve essere combattuta”, si legge nel testo citato da El Paìs – la Cina fa il contrario. Il governo cinese ha annunciato che continuerà a modernizzare le sue armi nucleari per scopi difensivi e ha chiesto a Stati Uniti e Russia di fare il primo passo riducendo i loro arsenali. Le dichiarazioni del colosso asiatico arrivano dopo un 2021 in cui il Paese ha mostrato più volte forza militare e in cui i sospetti sul riarmo nucleare delle superpotenze sono aumentati vertiginosamente.

 

Rispondi