tensione Cina Stati Uniti per isole Spratly

Cresce di nuovo la tensione tra Cina e Stati Uniti nel Mar Cinese Meridionale. Pechino accusa Washington: navi Usa hanno navigato illegalmente vicino alle acque delle isole Spratly.

L’esercito cinese sostiene di aver allontanato una nave da guerra degli Stati Uniti che “si è intromessa illegalmente” nelle acque vicino alle Isole Spratly nel conteso Mar Cinese Meridionale. Per le autorità di Pechino si tratta di una violazione della sovranità e sicurezza della Cina.

La nave statunitense USS Chancellorsville, un incrociatore missilistico, aveva recentemente attraversato lo Stretto di Taiwan. Non ci sono stati commenti da parte dell’esercito americano.

La Cina rivendica quasi l’intero Mar Cinese Meridionale sotto una linea che un tribunale internazionale ha stabilito nel 2016. Pechino ha ignorato questa decisione, costruendo invece isole artificiali ed espandendo le attività militari in mare, rivendicate anche da Filippine, Malesia, Vietnam, Brunei e Taiwan.

Cinque cose da sapere sulla politica internazionale della Cina

Tian ha accusato gli Stati Uniti di essere un “creatore di rischi per la sicurezza” nell’area, sostenendo che la navigazione della USS Chancellorsville era “un’altra prova ferrea della sua egemonia nella navigazione e militarizzazione del Mar Cinese Meridionale”.

Il comando del teatro meridionale ha dichiarato sul suo account sui social media WeChat che le truppe cinesi rimarranno in “massima allerta”.

Negli ultimi anni ha inviato una serie di navi da guerra attraverso il Mar Cinese Meridionale in quelle che definisce esercitazioni di “libertà di navigazione” e ha anche espresso sostegno per un accordo su un codice di condotta vincolante e altre misure di rafforzamento della fiducia.

Durante una visita la scorsa settimana a Palawan, ai margini delle acque contese, il vicepresidente Kamala Harris ha affermato che gli Stati Uniti spingeranno per una campagna internazionale contro il “comportamento irresponsabile” nel Mar Cinese Meridionale.

“Dobbiamo difendere principi come il rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale, il commercio legale senza ostacoli, la risoluzione pacifica delle controversie e la libertà di navigazione e sorvolo nel Mar Cinese Meridionale e in tutto l’Indo-Pacifico”, ha affermato in un discorso.

Le isole artificiali della Cina includono almeno sette avamposti nelle Spratly, dove ha costruito porti, installazioni militari e piste di atterraggio.

Rispondi