Afghanistan attentato dell'Isis a Moschea

L’affiliato dell’ISIS rivendica l’esplosione alla moschea sciita di Kunduz che ha ucciso decine di persone.

Decine di persone sono state uccise in un attentato suicida in una moschea sciita nella città nord-orientale di Kunduz, in Afghanistan, durante la preghiera del venerdì, il peggior attacco del Paese da quando i talebani hanno preso il controllo ad agosto.

Lo Stato Islamico nella provincia di Khorasan, ISKP (ISIS-K) ha rivendicato l’attacco venerdì attraverso i suoi canali Telegram. In una dichiarazione rilasciata su Telegram, il gruppo ha affermato che un attentatore suicida dell’ISIS-K “ha fatto esplodere un giubbotto esplosivo in mezzo a una folla” di fedeli sciiti che si erano radunati all’interno della moschea.

Le riprese video hanno mostrato corpi circondati da detriti all’interno della moschea di Gozar-e-Sayed Abad, utilizzata da persone della comunità musulmana sciita di minoranza.

Ci sono state notizie contrastanti sul numero delle vittime. La missione delle Nazioni Unite in Afghanistan ha dichiarato in un tweet che l’esplosione ha ucciso e ferito più di 100 persone.

Dost Mohammad Obaida, vice capo della polizia della provincia di Kunduz, ha anche affermato che almeno 100 persone sono state uccise o ferite nell’attacco, aggiungendo che “la maggior parte di loro è stata uccisa”.

“Assicuro ai nostri fratelli sciiti che i talebani sono pronti a garantire la loro sicurezza”, ha detto Obaida, aggiungendo che è in corso un’indagine.

Nel frattempo, l’agenzia di stampa statale Bakhtar ha detto che almeno 46 persone sono state uccise, mentre più di 140 sono rimaste ferite all’interno della moschea nella zona di Khan Abad della città di Kunduz.

Rispondi