A Bratislava secondo incontro sui maestri italiani d’arte: Lucio Fontana

Il secondo incontro della rassegna di Bratislava sui grandi maestri italiani d’arte è dedicata a Lucio Fontana. A cura di Gian Luca Bianco.

L’Istituto Italiano di Cultura di Bratislava organizza l’8 febbraio il secondo appuntamento del nuovo ciclo di conferenze online, dedicate a dei grandi artisti moderni e contemporanei italiani, curato dall’artista Gian Luca Bianco. L’evento, focalizzato su Lucio Fontana, mette a confronto il punto di vista di un artista di oggi con la storia di uno moderno del secolo scorso.

Quella di Fontana fu vera rivoluzione artistica: fu capace di generare un’arte che arrivasse a tutti e che, universalmente, potesse superare le epoche e le mode. Lucio Fontana (Rosario, 1899 – Comabbio, Varese, 1969), colui che attraverso i tagli sulla tela portò l’infinito oltre l’infinito, resterà per sempre un contemporaneo.

Lucio Fontana introduce il concetto di opera aperta, a metà tra pittura e scultura. Come sculture, infatti, i lavori realizzati dall’artista giocano con la luce, giacché hanno parti in rilievo, e mutano continuamente sotto gli occhi dello spettatore, che variando la sua posizione scopre nuovi punti di vista.

 Tagli, buchi, squarci e incisioni: dal grande pubblico Lucio Fontana è noto soprattutto per i suoi Concetti spaziali, opere che dagli anni ’50 resero questo artista famoso ovunque e segnarono un punto di svolta nella cultura del Novecento. 

“Non è che bucavo per rompere il quadro”, disse una volta Fontana parlando della sua produzione “Ho bucato per trovare qualcosa (…) Il buco è l’inizio di una scultura nello spazio. E i miei non sono quadri, sono concetti d’arte.” 

Nel 2015, da New York, alla casa d’aste Christie, una sua opera intitolata “Concetto Spaziale, La Fine di Dio» è stata venduta per 29 milioni di dollari. 

I lavori di Fontana si trovano nelle collezioni permanenti di oltre cento musei in tutto il mondo. 

Gian Luca Bianco (Milano, 1967) regista, artista, autore. Ha all’attivo regie di film e documentari, produzioni teatrali e la scrittura di alcuni libri. Realizza e cura mostre d’arte in Italia e all’estero, recentemente si è concentrato, dal 2016, sull’idea del frammento dal quale è sorta un ciclo di opere denominate Imbilico, una profonda riflessione attorno al tema della distruzione e della perdita. Tale progetto è stato presentato a Milano, Monza, Gubbio, Macerata, Perugia, Innsbruck, Barcellona, New York, Dusseldorf ecc. E’ inoltre consulente artistico. Ha vissuto vari anni a New York immergendosi nella dimensione urbana di questa metropoli.

Maggiori informazioni a questo link:

https://iicbratislava.esteri.it/iic_bratislava/it/gli_eventi/calendario/2021/02/lucio-fontana-storie-d-arte-di.html

Rispondi