La scelta di Erdogan che allontana la Turchia dalla Russia

Erdogan sostiene l'Azerbaigian e allontana la Turchia dalla Russia

Nell’escalation militare tra Azerbaigian e Armenia per la regione autonoma del Nagorno Karabakh ci mancava l’intervento a gamba tesa del presidente turco. Dalla sua pagina Twitter, Recep Tayyp Erdogan ha ufficialmente dichiarato il pieno sostegno di Ankara all’alleato azero. La Turchia sposta il suo asse a est mettendo in atto una ostpolitik che minaccia questa volta di contrastare l’interesse russo. Ankara e Mosca sono già su posizioni diverse in Siria dove i turchi sostengono le forze dell’opposizione al presidente Assad, mentre la Russia è il principale sponsor dell’uomo di Damasco. Ora il dichiarato appoggio turco all’Azerbaigian potrebbe fare irritare il Cremlino, che sostiene storicamente l’Armenia. Il governo armeno di Erevan ospita diverse basi militari russe sul suo territorio. Nonostante questo, Mosca ha fatto appello al cessate il fuoco insieme a Ue e Nato, evitando di dichiarare il suo appoggio e solidarietà all’alleato armeno. Vladimir Putin, insomma, ha dimostrato un senso di responsabilità senza schierarsi al momento al fianco dell’Armenia. Molto diverso da quanto ha fatto Erdogan con una scelta di campo ben precisa. Ora, come ha scritto in una nota un rappresentante del governo di Erevan, il pericolo è quello di una ulteriore escalation militare. Perché a Baku potrebbero andare avanti e sentirsi più forti dopo il dichiarato supporto turco. E la Turchia è sempre più lontana dalla Russia.

Rispondi