Chi è Kamala Harris?

Chi è Kemala Harris scelta da Biden come sua vice?

Joe Biden ha scelto Kemala Harris come vicepresidente nel caso vinca le elezioni per la Casa Bianca. Ma chi è Kamala Harris?

La democratica della California è nata a Oakland, in California, da due genitori immigrati: una madre di origine indiana e un padre di origine giamaicana.

Dopo il divorzio dei suoi genitori, la Harris è stata cresciuta principalmente dalla madre single indù, ricercatrice sul cancro e attivista per i diritti civili.

“Mia madre capiva molto bene che stava crescendo due figlie nere”, ha scritto nella sua autobiografia The Truths We Hold. “Sapeva che la sua patria adottiva avrebbe visto me e Maya come ragazze nere ed era determinata a fare in modo che diventassimo donne nere sicure e orgogliose”.

Ha continuato a frequentare la Howard University, uno dei principali college e università storicamente neri della nazione, che ha descritto come tra le esperienze più formative della sua vita.

La senatrice Harris dice che è sempre stata a suo agio con la sua identità e si descrive semplicemente come “un’americana”.

Dopo quattro anni a Howard, Kamala Harris ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l’Università della California e ha iniziato la sua carriera presso l’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Alameda.

È diventata procuratore distrettuale di San Francisco nel 2003, prima di essere eletta come prima donna e prima persona di colore a servire come procuratore generale della California.

Nei suoi quasi due mandati come procuratore generale, la Harris si è guadagnata la reputazione di una delle stelle nascenti del partito democratico, sfruttando questo slancio per spingere la sua elezione a senatore degli Stati Uniti della California nel 2017.

Dopo la sua elezione al Senato degli Stati Uniti, l’ex procuratore ha ottenuto il favore dei progressisti per il suo aspro interrogatorio dell’allora candidato alla Corte Suprema Brett Kavanaugh e del Procuratore generale William Barr nelle audizioni chiave del Senato.

Quando ha lanciato la sua candidatura alla presidenza davanti a una folla di oltre 20.000 persone a Oakland, in California, all’inizio dello scorso anno, la sua candidatura per il 2020 è stata accolta con entusiasmo iniziale. Ma la senatrice non è riuscita ad articolare una chiara motivazione per la sua campagna e ha dato risposte confuse a domande in aree politiche chiave come l’assistenza sanitaria.

Cos’ è andato storto per Kamala Harris? Non è stata in grado di trarre vantaggio dal chiaro punto culminante della sua candidatura: esibizioni di dibattito che hanno mostrato le sue capacità di procuratore, spesso ponendo Biden sulla linea di attacco.

Democratica californiana con un curriculum impeccabile, la signora Harris ha cercato di camminare sulla linea sottile tra le ali progressiste e moderate del suo partito, ma ha finito per non essere sostenuta da nessuna delle due, ponendo fine alla sua candidatura a dicembre prima delle primarie democratiche in Iowa all’inizio del 2020.

A marzo, la sig.ra Harris ha appoggiato l’ex vicepresidente, dicendo che avrebbe fatto “tutto ciò che è in mio potere per aiutarlo a eleggerlo il prossimo presidente degli Stati Uniti”. Gioca suo favore il sostegno per un sistema sanitario che garantisca a tutti i cittadini il diritto di curarsi, il principio che il governo dovrebbe stabilire il prezzo dei farmaci oggetto di prescrizione, che andrebbero aumentati i finanziamenti per ricerca sulla salute mentale.

Rispondi