Quando Ford faceva affari con Stalin

L’inventore del lavoro a catena di montaggio accantonò l’anticomunismo davanti alle opportunità economiche. Ford faceva affari con Stalin.

Gli interessi commerciali surclassano sempre le opinioni politiche. Ne fu un esempio Henry Ford, il magnate dell’industria automobilistica americana, nel suo rapporto con Joseph Stalin. Ford faceva affari con Stalin senza problemi, mettendo da parte il suo acceso anticomunismo.

Nel 1929 Ford vendette all’Unione Sovietica di Stalin automobili e pezzi dì ricambio per un valore di 40 milioni di dollari.

Icona del capitalismo Usa e simbolo dell’anticomunismo, Ford fornì assistenza tecnica e supporto al distretto industriale di Ninzij Novgorod, città natale dello scrittore Gorkj e cuore pulsante dell’economia della regione del Volga.

Negli anni ‘30 il distretto Gorkosvkij Avtomobil Nyi Zavod,    conosciuto come la Detroit sovietica, produceva tra le ottantamila e le novantamila Ford russe all’anno.

L’anticomunismo di Ford fu quindi meno ortodosso davanti alle prospettive di affari economici. Così come lo fu l’anticapitalismo di Stalin per le stesse ragioni.

Ford e Stalin non furono solo soci d’affari di fatto. Furono soprattutto veri e propri partner economici tra il 1929 e il 1936.

Advertisements
Annunci

Rispondi