Annunci
Servizi dal mondo

Cinque cose da sapere sul raid Usa contro militari di Assad

I caccia americani uccidono lungo l'Eufrate oltre 100 soldati dell'esercito siriano lealista a Assad. Dura reazione di Mosca e Damasco.

Raid aereo Usa contro truppe fedeli a Bachar al-Assad Raid aereo Usa contro truppe fedeli a Bachar al-Assad

Cacciabombardieri e artiglieria degli Stati Uniti hanno attaccato le forze governative siriane fedeli al governo di Bachar al-Assad.

Secondo una prima valutazione il raid Usa ha ucciso oltre 100 militari siriani nei pressi del fiume Eufrate, provincia di Deir al-Zour. I feriti sono a decine.

Ecco in sintesi cinque cosa da sapere sull’offensiva militare degli Stati Uniti contro le truppe di Damasco.

  1. L’intervento militare degli Stati Uniti è stato spiegato a Washington come una mossa di legittima difesa, in risposta a un attacco contro le forze di coalizione appoggiate dagli Usa per combattere i terroristi. Secondo gli abitanti del luogo raggiunti da giornalisti europei i militari di Assad sono percone del luogo.
  2. Il Pentagono ha reso noto, scrive la BBC online, che nell’attacco sono stati uccisi mercenari russi. La Russia ha negato la presenza di suo personale nell’area sotto attacco.
  3. I raid aerei sono avvenuti nella media Valle dell’Eufrate, che funge da linea di demarcazione informale nella Siria orientale. Il governo controlla la parte occidentale del fiume Eufrate. L’Esercito Democratico Siriano (Sdf) che ha l’appoggio degli Stati Uniti controlla quella orientale. Le due parti si sono già scontrate in passato. In particolare quando hanno tentato di espellere dalla Siria le milizie delll’Isis e cacciarle dalle loro roccaforti in Siria e Iraq.
  4. Secondo la Casa Bianca, le forze lealiste hanno attraversato la linea di demarcazione dell’Eufrate, lanciando attacchi provocatori al quartiere generale de Sdf nei pressi della città di Khusham. Hanno preso parte all’attacco almeno 500 combattenti islamici dell’Isis.
  5. Dura la reazione russa. Secondo il ministero della difesa di Mosca, gli Stati Uniti sono più interessati a ricavare dalla Siria vantaggi in termini di risorse economiche piuttosto che combattere l’Isis. Lo dice una nota del ministero dell difesa degli Stati Uniti. Sulla stessa linea di condanna anche il governo di Damasco.
Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di politica estera e attualità internazionale. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: