Cinque libri da leggere su John Kennedy

Cinque libri da leggere su John Kennedy
Cinque libri da leggere su John Kennedy

Sul presidente degli Stati Uniti e stato scritto molto. La bibliografia è vastissima. Ecco cinque libri che consigliamo per districarsi tra i tanti volumi scritti sul John Fitzgerald Kennedy.

Figura controversa, amato e odiato, John Fitzgerald Kennedy suscita ancora oggi, a 54 anni dalla morte, curiosità e interesse. La sua figura è tornata alla ribalta dopo la decisione del presidente Donald Trump di pubblicare una parte dei documenti riguardanti Kennedy.

L’assassinio di Kennedy, la sua vita chiacchierata, la sua politica della nuova frontiera hanno stimolato storici, romanzieri, giornalisti a produrre migliaia di libri su di lui. Chi volesse approfondire il personaggio Kennedy ha naturalmente molte difficoltà a scegliere le letture adatte. Ecco cinque libri che consigliamo di leggere.

  1. Arthur Schlesinger: I mille giorni di John Fitgerald Kennedy. Rizzoli Editore 1966. Il volume è ancora di grande attualità. Schlesinger è stato il consigliere storico di Kennedy alla Casa Bianca. Scritto come un romanzo, è uno dei più attendibili sulla vita del presidente americano;
  2. Anatolij Gromiko: John Fitgerald Kennedy e la macchina del potere. Editori Riuniti Roma, 1969. Il figlio dello storico ministro degli esteri sovietico descrive Kennedy e la sua politica. Un’opera utile per capire il punto di vista sovietico sul presidente Usa.
  3. Furio Colombo: L’America di Kennedy. Dalai Editori 2004. Le testimonianze di un giornalista che ha vissuto in prima persona l’America di Kennedy.
  4. Robert Dallek: John Fitzgerald Kennedy, una vita incompiuta. Mondadori 2017. Una appassionata e documentata bibliografia che ripercorre le tappe della carriera di Kennedy approfondendo anche i momenti più dolorosi.
  5. Jacques Lowe: I miei anni con Kennedy. L’ippocampo, 2013. Kennedy raccontato dal suo fotografo ufficiale. Lowe conobbe Kennedy nel 1958, e da allora fu profonda amicizia. Fu uno dei pochi a avere sempre un accesso privilegiato alla famiglia Kennedy.

Rispondi