Annunci
Servizi dal mondo

Quattro punti ancora da chiarire sulla Brexit

Cosa rimane ancora in sospeso sulla Brexit

Brexit: i punti ancora da chiarire Brexit: i punti ancora da chiarire

La Brexit, la fuoriuscita definitiva del Regno Unito dall’Unione Europea, sta ormai per cominciare ed i negoziatori di entrambe le parti sono già al lavoro per sciogliere i nodi più delicati e controversi della questione.

La Brexit in ogni caso non sarà un processo facile ed indolore per nessuna delle parti in causa. Perché i punti da chiarire sono davvero ancora tanti. Bisogna anche considerare che dopo le elezioni dello scorso 8 giugno, il governo britannico si è indebolito perché non è riuscito ad ottenere un maggioranza netta e questo ha diminuito il suo potere negoziale.

Ma quali sono i punti ancora aperti del dibattito sull’uscita della Gran Bretagna dal progetto comunitario?

Riassumendo brevemente si può dire che la questioni aperte siano le seguenti:

  • commercio: uscire dall’Unione Europea significa anche uscire dal mercato unico e quindi tutti i trattati commerciali negoziati nel tempo non saranno più validi per la Gran Bretagna che dovrà negoziare trattati di libero scambio con i singoli Stati membri oppure cercare accordi di partnership con le autorità comunitarie per determinati settori economici;
  • immigrazione: la Gran Bretagna con la sua uscita dal progetto comunitario esce anche dagli accordi che prevedono la ripartizione dei migranti che sbarcano in Italia e Grecia nei vari Paesi europei e questo e possibile complica ancora di più la già difficile gestione dell’emergenza migratoria;
  • libertà di circolazione: non si sa ancora se quando la Brexit sarà effettiva ritorneranno la frontiere e le vecchie dogane, ma bisognerà mettere bene in chiaro se saranno rispettate le quattro libertà fondamentali di circolazione dei beni, dei servizi, dei capitali e delle persone e nel caso fossero applicati dei paletti bisognerà vedere quanto saranno stringenti;
  • status dei cittadini europei che risiedono nel Regno Unito: tantissimi sono i cittadini comunitari che vivono in Gran Bretagna e lì studiano o lavorano e il loro status deve essere definito in modo chiaro; Theresa May, il Primo Ministro britannico, ha promesso che non cambierà niente per che già risiede regolarmente nel Regno Unito, ma da Bruxelles hanno già fatto sapere che queste garanzie non sono sufficienti.

Questi sono solamente i punti più spinosi da dibattere sulla questione Brexit e di sicuro i negoziati saranno lunghi e difficili per entrambe le parti, perché prima d’ora mai nessun Paese era uscito dal progetto comunitario e si sta andando verso strade inesplorate. 

Valeria Fraquelli

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di affari internazionali. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: