Trump congela piano di spostare ambasciata Usa a Gerusalemme

Il presidente Usa visita Israele. Secondo i media internazionali non annuncerà lo spostamento dell’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme.

Trump congela il piano di portare ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme

Trump congela il piano di portare ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme

Donald Trump va in visita in Israele. Secondo la stampa internazionale, Trump congela il piano di spostare l’ambasciata Usa a Gerusalemme.

In campagna elettorale, il presidente degli Stati Uniti aveva promesso di portare la sede diplomatica americana da Tel Aviv nella città simbolo per ebrei, cristiani e musulmani.

Si trattava di una provocazione soprattutto rivolta ai palestinesi. Il piano alzerebbe alle stelle la tensione tra arabi e israeliani.

Il presidente eletto degli Stati Uniti ha rilasciato qualche giorno fa una dichiarazione dove esprime la volontà di portare l’ambasciata americana in Israele a Gerusalemme. La decisione sarebbe una bomba nel complesso mosaiko mediorientale perché lancia il segnale politico di voler affossare la soluzione dei Due Stati. Quest’ultima infatti prevede che Gerusalemme diventi la capitale di Israele e Palestina. Il fatto di portarvi la sede diplomatica americana e nulla dire sulla possibilità di riconoscere finalmente lo Stato di Palestina rischia di riaprire in maniera forte lo scontro tra le parti e mettere una pietra sopra ogni speranza di nuovi percorsi di pace. (Da Notiziario Estero del 16 gennaio 2017)

Portare l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme assume un significato politico di enorme portata. Perché è un riconoscimento implicito di considerare Gerusalemme capitale di Israele. La città, come è noto, è però al centro  della disputa arabo-israeliana e oggetto di negoziazione.

Annunciare, quindi, il trasferimento dell’ambasciata Usa a Gerusalemme (le ambasciate sono collocate sempre nelle capitali degli stati salvo rare eccezioni) sarebbe l’ingresso a gamba tesa di Donald Trump nella questione mediorientale.

Rinuncerà il presidente Usa a fare un simile annuncio nel suo viaggio in Israele?

Agenzie internazionali come la Reuters e la Cnn sono convinte di sì e danno il piano come già congelato. E’ sulla stessa posizione il quotidiano spagnolo El Paìs. Anche l’agenzia americana Bloomberg parla di congelamento del piano, citando fonti vicine all’Amministrazione Usa.

Perché Trump farà marcia indietro? Secondo diversi media internazionali, il presidente si sarebbe confrontato con alcuni rappresentati israeliani che gli avrebbero espresso le loro preoccupazioni sulle conseguenza di un annuncio simile.

La proposta di Trump non è  nuova tra i presidenti americani. Anche Bill Clinton accarezzò l’ipotesi di portare l’ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme. Clinton però non ha mai trasformato quell’idea in proposta concreta. Così come si spera faccia ora Trump.

Non sappiamo se il presidente americano intenda sospendere temporaneamente la proposta, oppure voglia riprenderla più avanti. Certo è che se Trump dovesse rilanciare, anche in futuro, l’idea di portare l’ambasciata Usa a Gerusalemme, gni possibilità di dialogo e negoziato tra israeliani e palestinesi sarebbe molto difficile.

 

Annunci


Categorie:Medio Oriente

Tag:, , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: