Il progetto del gasdotto da Israele all’Italia

L’Unione Europea ha approvato il progetto di un gasdotto che collega Tel Aviv all’Italia. Tra i promotori dello studio c’è anche l’italiana Edison.

il progetto di gasdotto Israele Italia

I ministri dell’energia di Italia, Israele, Grecia, Cipro con il Commissario Europeo all’energia hanno dato il via libera allo studio del gasdotto Israele Italia (foto El Paìs)

Al via lo studio per realizzare un gasdotto che collega Israele all’Italia. La decisione di muovere i primi passi del progetto è stata presa durante un incontro tra il Commissario Europeo all’energia Miguel Angel Canete e i ministri di Italia (era presente Carlo Calenda), Israele, Grecia e Cipro. Il vertice si è tenuto a Tel Aviv lo scorso 3 aprile.

Il progetto punta a connettere l’Europa meridionale con i grandi giacimenti e riserve di gas del Medio Oriente. Obiettivo: rendere operativo il giacimento nel 2025.

La pipeline sottomarina attraverserà Cipro, Creta e la Grecia. Il costo previsto è di circa 6.000 milioni di euro. Per l’Unione Europea il progetto è ambizioso e va nella direzione di diversificare le fonti di approvvigionamento energetico.

L’Unione Europea è alla ricerca di strade alternative alle forniture di energia in modo da ridurre la dipendenza dalla Russia. Bruxelles contribuisce economicamente allo studio per sviluppare il progetto del gasdotto. Progetto promosso dal Consorzio Igi Poseidon, una joint venture tra l’italiana Edison e la greca Depa.


Il progetto del gasdotto Israele-Italia


Tra gli obiettivi dell’infrastruttura sottomarina c’è quello di trasportare circa 900.000 milioni di metri cubi di gas.

Le ingente riserve israeliane superano di molto le necessità locali. Israele ha fatto un accordo con la Giordania per esportare parte dei suoi giacimenti di gas in 15 anni per un valore di 10.000 milioni di dollari.

Inoltre, a Tel Aviv confidavano di vendere il gas anche all’Egitto, sempre affamato di risorse energetiche. Ma gli egiziani hanno scoperto di recente un grande giacimento di gas nel delta del Nilo. Si stima che possa essere addirittura superiore a quello di Israele. Questa scoperta ha mandato a gambe all’aria i piani dello Stato israeliano di vendita del suo gas sul mercato egiziano. Tel Aviv quindi ha preso al volo l’occasione che veniva offerta dall’Europa.

Il progetto della conduttura Israele Italia ha però un suo tallone di Achille. Lo spiega il periodico economico israeliano Globe. Il gas che arriva dal Mediterraneo orientale avrà costi elevati, almeno il 40% in più del prezzo del gas russo. Inoltre, ci sono anche difficoltà tecniche rilevanti. In primo luogo il passaggio del gasdotto a profondità marine di circa 3300 metri. In secondo luogo c’è l’attività vulcanica nei bassifondi marini compresi tra Cipro e Grecia che potrebbe danneggiare l’infrastruttura.

Annunci


Categorie:Energia, Medio Oriente, Sviluppo, Unione Europea

Tag:, , , , , , , , , , ,

3 replies

  1. si fatica a capire perché si spendano soldi (i progetti costano molto) per studiare un problema che già si sa che non avrà soluzione. Primo per i costi elevati della fornitura all’arrivo, secondo per la pericolosità del fondo marino sismicamente instabile, terzo per gli ostacoli politici che sorgeranno non durante la progettazione, ma al momento della realizzazione perché (lo sappiamo) tutti i movimenti antagonisti sono fortemente anti-israeliani (e questo è emblematico)

    Mi piace

  2. Tra l’altro la notizia è passata inosservata e i media italiani non ne hanno parlato (almeno così pare). E neppure quelli stranieri, tranne El Paìs che rimane sempre molto attento.

    Mi piace

Trackbacks

  1. Il progetto del gasdotto da Israele all’Italia – Onda Lucana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: