Annunci
Servizi dal mondo

La Svezia ritorna al servizio militare obbligatorio

L'instabilità geopolitica sul Mar Baltico e nell'Europa orientale convince la Svezia a reintrodurre il servizio militare.

Il governo di Stoccolma nel 2018 chiamerà alla leva obbligatoria la classe 1999, uomini e donne. Nel 2010 il Paese scandinavo aveva abolito l’obbligo del servizio militare, passando a quello volontario.

Gli svedesi che scelgono la carriera militare sono però sempre meno. Così, la Svezia ha deciso di tornare all’obbligo di leva.

Non tutti potranno fare il servizio militare. Tra i nati nel 1999, solo 4000 saranno chiamati nell’esercito. Successivamente diventeranno 8.000. Il criterio di scelta riguarderà la motivazione e l’interesse personale. La selezione sarà effettuata tramite questionario. Resterà comunque in vigore anche il servizio volontario.

L’analisi

La decisione svedese di tornare al servizio militare obbligatorio è un passo verso la crisi con la Russia nel Baltico. Stoccolma non è tranquilla e ritiene che i suoi militari professionisti non siano sufficienti a garantire la sicurezza del Paese. A Mosca guardano con attenzione gli sviluppi dei Paesi scandinavi. Il Cremlino, negli ultimi anni, ha più volte fatto intendere di non gradire il riarmo o la coscrizione obbligatoria, minacciando rappresaglie. Ora la scelta della Svezia rischia di compromettere una situazione già molto precaria.

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di affari internazionali. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

1 Commento su La Svezia ritorna al servizio militare obbligatorio

  1. La Russia, fosse anche solamente per una questione di immagine non ha interesse ad aggredire senza una giustificazione. Ritengo perciò che la Svezia non corra gli stessi rischi delle Repubbliche Baltiche in cui, a suo tempo, vennero deportati centinaia di migliaia di russi che attualmente le popolano (mal tollerati dagli autoctoni) e che da un momento all’altro potrebbero reclamare una sorta di riunione con una malintesa madre-patria, indire un referendum e chiedere aiuto al popolo russo. Questo è il reale rischio che corrono Lettonia, Lituania ed Estonia dove la diffusione della lingua russa é altissima e dove, in alcune zone, gli autoctoni sono in netta minoranza

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: