Annunci
Servizi dal mondo

Come l’Isis cavalca gli attentati dei terroristi

L’Isis ha rivendicato l’attentato a Istanbul di Capodanno. Lo Stato Islamico dà però l’impressione di non avere più la regia sulle azioni terroristiche ma piuttosto di cavalcarle quando succedono. Il fine? Mostrare al mondo e ai jihadisti di contare ancora.

Più volte abbiamo sostenuto su questo magazine che l’Isis da almeno un anno non ha più forza, capacità di coordinamento, centri di comando. Lo Stato Islamico in sostanza è allo sbando, quasi debellato in Siria, Iraq e Libia, i suoi militanti sparpagliati a gruppi senza più una bussola di riferimento. Molti di loro sono tornati, o stanno tornando, nei Paesi occidentali da cui sono arrivati.

Il Califfo Abu Bakr al-Baghdadi, che guida l’Isis, non si sente da oltre un anno. Di recente alcune agenzie internazionali hanno battuto la notizia che Baghdadi è ancora vivo. Prove però non ce ne sono. Esistono solo supposizioni. Tutto insomma fa pensare che possa essere morto o comunque in condizioni fisiche gravi e non abbiapiù le redini del comando dello Stato Islamico. Lo stesso vale per il resto della cupola che guida il Califfato.

Per queste ragioni è difficile pensare che esista ancora un centro di potere capace di impartire ordini e piani ben definiti per colpire nel mondo. Al massimo può esserci qualche proclama di incitamento a colpire come avvenuto più volte in passato, ma senza alcuna regia. Così il caso di Istanbul, come quello di Berlino, sembrano più opera di miliziani, cani sciolti che ancora credono in qualche chance di rivalsa dell’Isis. Il Califfato, o almeno quello che resta, ne approfitta e cavalca gli eventi rivendicando la strage per mostrare che esiste ancora soprattutto ai combattenti che credono ancora nello Stato Islamico.

Certo, lungi da noi pensare du sottovalutare la minaccia. Non è questo il tema in discussione.E’ però da valutare che fatti come quello di Istanbul sono i colpi di coda di un serpente morente a cui si fatica a schiacciare la testa. E se la stampa internazionale continua a tenere alta l’attenzione sula forza dell’Isis si rischia di fare rialzare la testa al Califfo che potrebbe trovare nuova forza, nuova credibilità tra molti musulmani, nuove “risorse umane” da mandare al macello.

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di politica estera e attualità internazionale. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

1 Commento su Come l’Isis cavalca gli attentati dei terroristi

  1. che Al Baghdadi sia vivo o morto che differenza fa? prima qualcuno lo vedeva (a parte i messaggi da lui stesso inviati)? stiamo continuando a considerare questo movimento come una specie di Stato o di movimento ufficiale di qualcosa. Qui non siamo di fronte ai Vietcong, alla testa del califfato non c’é Ho Ci Min, questa è un’accozzaglia di ladri criminali, una banda pirata, che si è impossessata di pozzi di petrolio il cui prodotto poi ha venduto in borsa-nera agli stessi che avrebbero dovuto combatterli. Se ora sono allo sbando sono ancora più pericolosi perché viene a mancare un interlocutore con cui trattare o da provare a minacciare. Se allo sbando hanno combinato Berlino e Istambul (forse anche Nizza) il pericolo vero sta iniziando. A questi cani sciolti non occorrono mezzi, gente addestrata, direttive. Questi hanno capito che camion, pullman e qualsiasi mezzo pesante sono le nuove bombe a disposizione di tutti, le più facili ed efficaci. Il califfato si scioglie e i combattenti ritornano nei loro paesi addestrati, armati e frustrati come tutti i perdenti e saranno la nuova criminalità che saccheggerà l’Europa com’é stato sempre quando bande di ex militari degli eserciti perdenti hanno creato bande criminali dalla seconda guerra mondiale a oggi. Reduci della RSI, delle SS, degli Ustasha, dell’OAS, delle armate bosniache……

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: