Annunci
Servizi dal mondo

Pace Colombia Farc vince il no al referendum. Paese diviso

I cittadini colombiani votano no nel referendum sull’accordo di pace tra Colombia e Farc. E’ il giorno del giudizio per il futuro del Paese.

colombia-farc-vincono-i-no

Il giorno del giudizio della Colombia è arrivato. E gli elettori colombiani hanno detto no. Hanno quindi scelto di non sostenere la linea del governo e l’accordo di pace tra Colombia e Farc (forze armate rivoluzionarie della Colombia) sottoscritto di recente. E’ una sconfitta per tutti. Perché oggi la Colombia doveva scrivere definitivamente la parola fine a un conflitto durato 52 anni.

Con una manciata di voti di differenza, i no hanno raggiunto quota 6.400.516 voti (50,2%) mentre i sì hanno ottenuto 6.338.703 voti, il 49,7%, (con il 99,08% delle schede scrutinate) , si rompe l’incantesimo colombiano che aveva fatto pensare a un’epoca di pace e prosperità. Ciò che esce invece è una Colombia divisa. Un Paese polarizzato, confuso che ora non sa come affrontare le conseguenze di questo risultato.

I milioni di colombiani chiamati alle urne dovevano scegliere il destino dell’accordo di pace con i guerriglieri della Farc, movimento di sinistra, che hanno combattuto la più lunga guerra civile che l’emisfero occidentale ricordi. Con la vittoria del sarebbe cominciata la smobilitazione e il disarmo di circa 5800 ribelli delle Farc e diverse migliaia di miliziani volontari aggiunti.

Ma la vittoria del no rende impossibile continuare con una soluzione negoziale e ora c’è il rischio della ripresa della guerra civile che in 52 anni ha provocato oltre 260.000 morti.

L’accordo di pace Colombia Farc

Il 26 settembre 2016 il governo colombiano e le Farc (forze armate rivoluzionarie colombiane) hanno firmato l’accordo di pace che passa alla storia del Paese e a quella del continente sudamericano. La guerra civile ha provocato oltre 260.000 vittime e decine di migliaia di desaparecidos.

L’accordo di pace è stato firmato dopo quattro anni di negoziati tenuti all’Avana. Unanime il consenso della comunità internazionale. La firma è avvenuta con una cerimonia solenne a Cartagena de Indias.

Mancava però il consenso popolare. I colombiani non erano stati consultati. Il presidente colombiano Juan Manuel Santos scelse il 2 ottobre come data per il referendum nazionale sull’accordo.

Il leader delle Farc, Rodrigo Londono (alias Timochenko), ha parlato al momento della cerimonia della firma davanti a numerosi capi di stati e di governo. Ha definito il presidente colombiano come un valido interlocutore ma ha sottolineato i momenti difficili della negoziazione diplomatica.

L’Onu si è impegnata, con voto unanime del Consiglio di Sicurezza, a verificare e vigilare sul cessate il fuoco definitivo e il disarmo delle Farc che non potrà prolungarsi oltre i sei mesi.

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di politica estera e attualità internazionale. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

1 Trackback / Pingback

  1. Come la Colombia cerca di salvare la pace con le Farc? – Notiziario Estero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: