Annunci
Servizi dal mondo

Attentato nel Kashmir. E’ tensione India Pakistan

Blitz della polizia in un villaggio del Kashmir indiano. Blitz della polizia in un villaggio del Kashmir indiano.

Un attacco contro una base militare indiana nel Kashmir provoca 17 morti e numerosi feriti. Accuse reciproche tra India e Pakistan.

Un attacco a una base militare indiana nel Kashmir provoca 17 morti. Accuse tra India Pakistan.

Un attacco a una base militare indiana nel Kashmir provoca 17 morti. Accuse tra India Pakistan.

Sono 17 i morti e numerosi i feriti a causa dell’attacco di oggi alla base militare indiana di Uri, nella parte di Kashmir sotto amministrazione dell’India e vicino alla linea di demarcazione della regione controllata dal Pakistan. I morti sono tutti soldati dell’esercito di Nuova Delhi.

Nell’attentato sono morti anche 4 uomini del commando. Nessuno ha ancora rivendicato l’attacco. Tuttavia, il Ministro degli interni indiano,  Rajnath Singh, ha accusato direttamente Islamabad di essere dietro all’azione paramilitare, definendo il Pakistan uno “Stato terrorista”. E’ quanto riporta oggi la BBC online.

L’attacco è il più sanguinoso tra quelli effettuati contro le forze di sicurezza indiana negli ultimi due decenni. E avviene proprio mentre sono in corso proteste violente contro il dominio di Nuova Delhi sul Kashmir, regione contesa da India e Pakistan.

Il Ministro Singh ha anche lanciato un Tweet dove scrive che “esistono indizi seri riguardanti la formazione e l’addestramento dei miliziani che hanno condotto l’attacco, come l’equipaggiamento speciale e i pesanti armamenti, che fanno pensare alla mano di qualche Paese straniero dietro l’attacco”.

Se l’India punta il dito contro il Pakistan, le autorità di Islamabad respingono le accuse. E lo fanno con il portavoce del Ministro degli Esteri pakistano. Nafees Zakaria ha detto alla BBC che siamo davanti alla solita tattica dell’India: puntare il dito subito contro il Pakistan senza avere alcuna prova. Di fatto una provocazione, a cui però il governo di Islamabad non intende dare molto seguito. Lo si capisce dal fatto che per rispondere si affidano al portavoce del ministri anziché a un rappresentante più autorevole del governo pakistano. Il Pakistan comunque ha negato ogni responsabilità nell’episodio.

Il Kashmir, una regione a maggioranza musulmana, è conteso da India e Pakistan. Entrambi i Paesi controllano una parte della regione.

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di affari internazionali. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: