Annunci
Servizi dal mondo

Incontro Schulz- Yldrim: le divergenze sui visti rimangono

 

Incontro Schulz- Yldrim

Incontro Schulz- Yldrim

Il Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz e il Primo Ministro turco Yldrim si sono incontrati ad Ankara per fare il punto sulla questione della liberalizzazione dei visti per i cittadini turchi i e sull’applicazione dell’accordo sui respingimenti di migranti.

Nonostante le belle parole diplomatiche che i due politici hanno usato, emergeva chiaramente che le divergenze rimanevano forti su molti dei temi chiave dei colloqui e che le questioni in sospeso tra Unione Europea e Turchia erano e sono ancora tante.

Quello che sta più a cuore alle autorità comunitarie è capire come sta cambiando la Turchia del dopo golpe: il rispetto dei diritti umani rimane fondamentale e le foto shock dei prigionieri presunti golpisti arrestati, ammassati in stanzoni sudici e percossi certo non aiutano ad abbassare la tensione.

Alcuni Paesi membri dell’Unione Europea hanno già escluso categoricamente che la Turchia possa entrare a fare parte del progetto comunitario fino a quando saranno utilizzati questi metodi definiti disumani nei confronti dei presunti golpisti e fino a quando continuerà la censura governativa nei confronti di giornalisti e blogger. La promessa del governo turco di reintrodurre la pena di morte e le nuove leggi antiterrorismo che hanno ridotto ancora di più la libertà individuale dei cittadini turchi e la libertà di pensiero e di associazione, sono i punti più controversi e delicati nel fragile rapporto tra Unione Europea e Turchia.

Martin Schulz ha spiegato le ragioni delle autorità comunitarie per il rispetto di tutti i criteri posti alla Turchia per continuare i negoziati di adesione e la preoccupazione per le nuove leggi turche contro il terrorismo: “ Per quanto riguarda la liberalizzazione dei visti, ho ribadito che il Parlamento Europeo insiste fortemente sulla implementazione di tutti i criteri, compreso quello sulla riforma delle leggi antiterrorismo. Ho anche chiarito che tutta la procedura è ancora aperta, non è finita e che entrambe le parti possono ancora venirsi incontro”.

Il Primo Ministro turco Yldrim ha ribattuto: “ Non possiamo cambiare le nostre leggi antiterrorismo, e questo proprio a causa della situazione in cui siamo in questo periodo. È una questione di vita o di morte per noi. Una questione che riguarda la sicurezza della Turchia, ed è necessaria anche per la battaglia dell’Europa contro il terrorismo”.

Anche dopo questo incontro, quindi, le divergenze tra Unione Europea e Turchia rimangono molto marcate e sarà molto difficile che Ankara riesca e soprattutto voglia rispettare tutti i criteri che le autorità comunitarie pongono per una progressiva adesione al progetto comunitario, in modo particolare per quanto riguarda i diritti umani.    

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di politica estera e attualità internazionale. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: