Annunci
Servizi dal mondo

Vertice Nato a Varsavia: parola d’ordine contenere la Russia

vertice-nato-varsavia-contenere Russia

I leader politici dei Paesi Nato al vertice di Varsavia (Foto da sito web Nato)

Parola d'ordine "contenere la Russia". Si conclude così il primo giorno del vertice Nato a Varsavia dove sono arrivati i big dei Paesi membri dell'alleanza militare più forte al mondo.

Il premier britannico David Cameron ha fatto intendere nel suo intervento, uno di quelli più attesi, che Brexit non avrà effetti sulla politica di difesa comune e non comprometterà l’impegno di Londra nell’Alleanza Atlantica. A prova di questo, Cameron ha annunciato l’invio di 650 militari britannici sul fianco orientale della Nato, ai confini con la Russia.

A dare man forte a Cameron è intervenuto il presidente Usa Barack Obama, che ha reso noto l’invio di 1000 soldati in Polonia. La misura è stata presa per rafforzare la presenza militare Nato nell’Europa orientale e inviare alla Russia un messaggio chiaro: non saranno più tollerate azioni come quelle di Crimea e Ucraina. I militari Usa sono uno dei quattro battaglioni che a rotazione si alterneranno come deterrente per la Russia. Gli altri battaglioni sono quello canadese in Lettonia, quello tedesco in Lituania e britannico in Estonia.

La Nato sancisce così ufficialmente l’invio dei battaglioni sul suo fianco orientale, una scelta già annunciata mesi fa ma che mancava dell’investitura formale.

I leader dei 28 Paesi membri hanno anche stabilito il lavoro di cooperazione militare sotto il comando Nato per il monitoraggio e eventuale intervento. Questo significa – chiarisce una nota pubblicata sul sito della Nato- che le navi Usa in Spagna, i radar in Turchia e i meccanismi di intercettazione in Romania potranno lavorare insieme e coordinarsi.

Stoltenberg ha richiesto un maggiore impegno ai 28 Stati membri a aumentare la spesa per la difesa. Nel 2015 c’è stato un miglioramento, ha spiegato Stoltenberg, ma occorre fare di più. Segnali positivi arrivano – dice il Segretario Nato- nel 2016 dove la spesa pubblica per armamenti è cresciuta del 3%. Il Segretario generale ha comunque ribadito che la Nato non vuole minacciare la sicurezza di alcuno Stato tanto meno quella della Russia. La cooperazione con la Russia, ha chiarito Stoltenberg, ha un suo luogo di confronto e discussione che è il Consiglio Nato-Russia, strumento fondamentale per gestire le relazioni tra Alleanza Atlantica e Cremlino.

Usa e Unione Europea hanno invece firmato una dichiarazione congiunta di cooperazione. La collaborazione viene rafforzata in quattro ambiti: sicurezza marittima e cibernetica, guerra ibrida, scambio informazioni e esercitazioni comuni. Il documento è stato firmato dal presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk, da quello della Commissione Europea Jean Claude Junker e dal segretario generale Nato Jens Stoltenberg.

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di affari internazionali. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

1 Trackback / Pingback

  1. Russia Usa è alta tensione nel Baltico e Europa orientale – Notiziario Estero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: