Annunci
Servizi dal mondo

La strada per Raqqa

Come le forze anti-Isis stanno accerchiando la roccaforte del Califfato in Siria.

strada-per-raqqa-come-le-forze-anti-sis-stanno-accerchiando-il-califfato

La strada per Raqqa, Siria. Come le forze anti Isis stanno accerchiando il Califfato.

L’offensiva contro l’Isis in Siria si fa più intensa. Forze democratiche siriane (Sfd),  peshmerga curdi, coalizione internazionale targata Usa, stanno stringendo la morsa attorno alla città di Raqqa, roccaforte e capitale dello Stato Islamico in Siria. L’offensiva ha l’avallo anche dei russi e il sostegno “indiretto” dell’esercito governativo di Damasco.

La strategia per liberare Raqqa ruota sull’avanzata di miliziani curdi e siriani coperti dall’aviazione della coalizione internazionale contro l’Isis. Sul territorio siriano le milizie procedono a ventaglio, conquistando villaggi e avamposti in modo da accerchiare Raqqa.

Le battaglie quindi sono in corso su tre lati: quello occidentale, meridionale e settentrionale. Quelle più rilevanti stanno verificandosi sul versante nord orientale, verso il confine turco e in città controllate dal Califfato. Probabilmente per non lasciare spazio di manovra o vie d’uscita ai jihadisti in fuga da Raqqa. L’ultimo episodio, ancora in corso, è il combattimento di questi giorni presso la piccola cittadina di Manbij, nella Siria settentrionale e controllata dall’Isis.

L’occupazione della zona a nord di Raqqa ha anche il compito di isolare l’Isis da un’area che i jihadisti usano per spostare armi e uomini lungo la frontiera turca. Il controllo del confine turco-siriano è fondamentale nella guerra all’Isis.

Stesso discorso vale a ovest di Raqqa. I combattenti curdi e arabi appoggiati da Stati Uniti e loro alleati hanno respinto nei giorni scorsi un tentativo dell’Isis di attaccare la città di Azaz. Il che mostra come lo Stato Islamico stia tentando di aprirsi varchi e di essere in difficoltà se accerchiato nella regione attorno a Raqqa.

Ad aprire la strada per Raqqa era stata prima ancora (giugno 2015) la liberazione della città di Kobane, vicina al confine tra Turchia e Siria. Nonostante il tentativo del Califfato di riprenderne il controllo, i miliziani curdi e arabi erano riusciti a respingere l’assalto e a costringere i jihadisti alla ritirata.

A sud di Raqqa lo Stato Islamico sta subendo invece la pressione delle forze governative fedeli al presidente Bashar al-Assad, appoggiate dall’aviazione russa.

La parola d’ordine della strategia anti-Isis sembra dunque quella di non lasciare spazi di manovra ai jihadisti. L’unico punto debole è però il versante orientale in Siria ai confini con l’Iraq. Gli uomini del Califfato, in caso di accerchiamento e impossibilità di difesa della città, potrebbero tentare l’abbandono di Raqqa e dirigersi in Iraq verso Mosul oppure Deir Ezzor nella Siria orientale.

Le forze curde sembra siano arrivate a 25 km da Raqqa. Dunque molto vicine alla roccaforte Isis. Però non potrebbero contare su un numero sufficiente di uomini in grado di sferrare un attacco. Dovranno attendere i soccorsi delle milizie arabe del Sdf. Se anche in questo caso le forze non saranno sufficienti, per gli Usa e loro alleati si porrà un interrogativo epocale: truppe di terra sì o no?

Leggi anche: L’offensiva contro l’Isis in Iraq e Siria – da Analisi Difesa

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di affari internazionali. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

1 Trackback / Pingback

  1. La mano dell’Isis dietro l’attentato a Latakia? – Notiziario Estero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: