Annunci
Servizi dal mondo

Usa e Italia pronte a fornire armi al governo libico di unità nazionale per combattere l’Isis

Stati Uniti e altre potenze sono pronte a fornire armi al governo di unità nazionale in Libia per aiutarlo a combattere lo Stato Islamico. Verso la revoca dell’embargo per sostenere il premier libico Fayez al-Serraj. No alle truppe di terra in Libia.

ua-e-italia-pronte-a-fornire-armi-alla-libia

Usa e Italia pronte a fornire armi alla Libia per battere il regime di Sarraj.

Pieno sostegno al governo di unità nazionale in Libia e impegno a revocare l’embargo sulle armi fornendo “tutti gli strumenti necessari per attaccare lo Stato Islamico”. E’ questa la sintesi del segretario di Stato Usa John Kerry su quanto stabilito nel summit in corso a Vienna per affrontare la crisi libica.

Nella capitale austriaca c’erano i rappresentanti delle più importanti potenze mondiali, una ventina in tutto: Usa, Russia, Cina, Unione Europea, Italia, Turchia, Arabia Saudita, Qatar per citarne alcune. Tutte hanno accolto l’appello del primo ministro del governo libico di unità nazionale a togliere l’embargo sulle armi al fine di combattere l’Isis.

In piena sintonia con quanto stabilito a Vienna, il ministro degli esteri italiano Paolo Gentiloni ha detto che l’Italia appoggia il premier Fayez al-Sarraj, impegnandosi a rafforzare l’accordo politico per sconfiggere l’Isis. Per fare questo occorre però il riconoscimento pieno del governo di unità nazionale. L’Italia, ha continuato Gentiloni, si impegna a equipaggiare e addestrare le forze militari libiche come richiesto dallo stesso Sarraj.

Intanto Sarraj,  premier del governo di unità nazionale della Libia, ha comunicato sul britannico The Daily Telegraph  di non volere truppe di terra straniere in Libia. Il primo ministro ha richiesto solamente addestramento militare e fine dell’embargo sulle armi. Secondo Sarraj, il pericolo principale per la Libia non è costituito tanto dall’Isis quanto dalle divisioni del Paese. Un governo di unità nazionale, è convinto Sarraj, riuscirebbe a far uscire la Libia da anni di divisioni.

Lo Stato Islamico però continua a avanzare in Libia. Da oltre un anno l’Onu continua a lanciare l’allarme, ribadendo che la crisi libica non può più aspettare. Nessuno però pare abbia la formula magica per riportare stabilità in Libia.

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di politica estera e attualità internazionale. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

1 Commento su Usa e Italia pronte a fornire armi al governo libico di unità nazionale per combattere l’Isis

  1. Popolo di Santi Eroi e Navigatori……che cosa ci é rimasto di tutto questo? siamo ritornati alle origini rinascimentali di popolo di mercanti e…basta. A suo tempo armammo le navi veneziane che facevano tratta di schiavi con soldi fiorentini prestati a usura. Ora ci prestiamo ad aiutare la Libia nel processo di pacificazione vendendo armi e magari ricostruendo strade e città a condizioni fuori controllo. Quella é la nostra indole e lì siamo ritornati appena l’onda di retorica si é calmata. Prendiamone atto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: