Annunci
Servizi dal mondo

Migliaia in Germania contro l’accordo commerciale Usa-Ue

Decine di migliaia di tedeschi manifestano ad Hannover contro la firma del Trattato Transatlantico su libero commercio e investimenti (Ttip). La protesta arriva alla vigilia dell’incontro tra il presidente Usa Barack Obama e la cancelliera Angela Merkel nella città tedesca. Solo il 19% del tedeschi sostiene il Ttip.

migliaia-tedeschi-contro-ttip

Migliaia di tedeschi manifestano ad Hannover contro il Ttip alla vigilia del summit Obama Merkel

Per gli organizzatori c’erano circa 70.000 persone. Per la polizia 35.000. Stime diverse che ricordano l’Italia dopo ogni manifestazione. A Hannover, capitale del Lander tedesco di Bassa Sassonia, va in scena la protesta contro l’accordo commerciale tra Stati Uniti e Unione Europea. Meglio conosciuto come Ttip (Trattato Transatlantico su libero commercio e investimenti).

Il corteo ha invaso pacificamente il centro di Hannover dopo i comizi pubblici di turno e con un messaggio esplicito portato sulle magliette: “Stop Ttip. In testa al corteo un grande cavallo di Troia con la scritta Ttip. Ad organizzare la protesta, sono state le tre forze della sinistra tedesca (o almeno quello che qui ancora è rimasto della cosiddetta “sinistra”): i Verdi, La Sinistra, i Pirati. I manifestanti hanno chiesto al governo tedesco di non firmare il Ttip. Il Trattato commerciale è sotto accusa da uno schieramento di forze politiche transnazionali per le liberalizzazioni previste dall’accordo che favoriscono le grandi corporation. Sono in pericolo, dicono gli oppositori al Ttip, milioni di posti di lavoro in Europa così come la tutela dell’ambiente e il settore sanitario.

tedeschi-contro-ttip

Il Cavallo di Troia costruito dai manifestanti

La manifestazione di Hannover arriva non casualmente alla vigilia della visita di Barack Obama in città dove incontrerà la Angela Merkel per la classica bilaterale Usa-Germania. Il presidente degli Stati Uniti e la cancelliera tedesca inaugurano domenica la Hannover Messe, tra le più importanti fiere industriali al mondo dedicata, quest’anno, agli Stati Uniti. Obama e Merkel discuteranno a Hannover proprio del Ttip e del percorso per sbloccare i negoziati e arrivare alla firma prima della fine del mandato presidenziale del presidente Usa.

In Germania però la strada del consenso all’accordo commerciale transatlantico è tutta in salita. E per il presidente Obama e Angela Merkel sarà difficile trovare un accordo. Entrambi conoscono i sondaggi, che danno solo un risicato 19% di tedeschi favorevoli al Ttip. Le diplomazie di Washington e Berlino stanno lavorando per trovare un compromesso che possa soddisfare le richieste dei tedeschi senza stravolgere totalmente i principi generali delle liberalizzazioni previste dall’accordo commerciale transatlantico.

Barack Obama intanto ha lanciato la sua offensiva di comunicazione per chiedere il sostegno tedesco al Ttip. In un articolo pubblicato dal settimanale tedesco Bild, il Capo di Stato Usa ha scritto che l’accordo commerciale è il migliore strumento per aumentare i posti di lavoro e la crescita, aggiungendo che il Ttip rafforza il commercio e il mercato lavorativo di Stati Uniti e Europa.

La strategia di Obama in Germania è simile a quella usata in Gran Bretagna. La Casa Bianca ricorre ai media nazionali sfruttando l’effetto della visita del presidente. Così, mentre a Londra pubblica un editoriale contro la Brexit, a Berlino fa uscire un articolo a favore del Ttip. In Germania però è più difficile. Lo scorso ottobre, oltre 250.000 tedeschi hanno manifestato per le strade di Berlino contro il Ttip. Riuscirà Obama, il presidente del Yes I can, a cambiare l’opinione dei tedeschi sull’accordo commerciale transatlantico?

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di politica estera e attualità internazionale. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

3 Commenti su Migliaia in Germania contro l’accordo commerciale Usa-Ue

  1. Corto Maltese // 22 maggio 2016 alle 6:38 //

    Mancano I presupposti per svegliare anche L’italia nel rivalutare queste tematiche Che impattano notevolmente sull’economia del bel paese..ma come eliminare l’effetto soporifero dei continui aggiustamenti e alla pressante tassazione dovuti alla politica EU e alla egoistica gestione Di una classe politica piu’ o meno opportunista..?

    Mi piace

  2. Corto Maltese // 22 maggio 2016 alle 6:41 //

    Anche questo potrebbe e dovrebbe essere oggetto di discussione a livello Europeo…

    Mi piace

  3. L’Europa sta affrontando la questione. A New York sono in corso in queste settimane i colloqui tra delegazioni Usa e Ue per trovare una “quadra” su alcuni aspetti dell’accordo. Si tratta di capire se le istanze portate dai rappresentanti europei rispondono alle esigenze dell’opinione pubblica europea che sta chiedendo, Germania in primis, di non firmare il Ttip. E l’opposizione europea non nasce solo da qualche nostalgico marxista, ma include un’ampia sfera di forze popolari.

    Mi piace

1 Trackback / Pingback

  1. Il Ttip spiegato in 6 punti – Notiziario Estero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: