Annunci
Servizi dal mondo

Indagine sull’alta velocità ferroviaria. Italia ai primi posti

Un’indagine realizzata dal portale online goeuro,it fotografa lo stato dell’alta velocità ferroviaria in 20 Paesi sviluppati. Italia quarta in Europa dopo Francia, Spagna e Germania. Giganti asiatici ai primi posti.

Indagine-sull'alta- velocità-ferroviaria

Nella Infografica i treni più veloci del mondo.

Una fotografia sui treni ad alta velocità in 20 nazioni sviluppate. E l’Italia ne esce bene, posizionandosi ai primi posti. E’ la sintesi dello studio sui treni ad alta velocità realizzato dalla piattaforma goeuro.it, portale web di Berlino che offre servizi di prenotazione viaggi permettendo all’utente di scegliere la formula economica più vantaggiosa.

Secondo lo studio, l’Italia ha il terzo treno più veloce d’Europa. E’ il nuovo Frecciarossa 1000, ultimo gioiello di Trenitalia. Frecciarossa 1000 è anche il sesto treno più veloce al mondo. Si scopre anche che in Italia c’è una delle linee più veloci d’Europa. Si tratta della tratta Milano-Roma, circa 580 km percorsi in 2 ore e 55 minuti. L’Italia è anche la terza nazione in Europa per estensione della linea ad alta velocità con il 7,91% e l’ottava nel mondo.

L’indagine mette in risalto che l’alta velocità nei treni è una tecnologia relativamente nuova. Il primo a sperimentarli è stato il Giappone nel 1964. L’Europa li ha introdotti tra gli anni ’80 e ’90. Oggi sono 20 i Paesi che hanno una rete ferroviaria ad alta velocità.


La classifica mondiale dei treni ad Alta Velocità di GoEuro

 


In testa alla classifica si posizionano i giganti asiatici (Giappone, Corea e Cina). Seguono a ruota i Paesi europei. Spagna, Francia e Germania vanno meglio dell’Italia.

A sorpresa gli Stati Uniti si posizionano in fondo alla classifica, in 19° posizione. Fa peggio di loro solo la Finlandia che chiude la graduatoria.

Lavori in corso
Lo sviluppo dell’alta velocità è strategico. La Francia sta progettando un’estensione della sua rete ad alta velocità che porterà i transalpini ad avere 4500 km totali di binari, pari a circa il 15% del territorio. La Spagna studia di estendere la sua rete ferroviaria ad alta velocità a 2700 km totali, coprendo circa il 37% del suo territorio nazionale. L’Italia vuole espandere ulteriormente la sua rete di 346 km.

 

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di politica estera e attualità internazionale. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

4 Commenti su Indagine sull’alta velocità ferroviaria. Italia ai primi posti

  1. sembrano le statistiche o i dati pubblici di un Paese totalitario….. sarebbe meglio fare una statistica sulla velocità media dei treni in ogni Paese, sommando i locali alla TAV e anche lo stato dei vagoni e delle stazioni nei vari Paesi. La copertura da noi é insufficiente e riguarda solamente le tratte Nord Sud mentre le tratte trans-apenniniche sono ancora penose. Mentre Firenze Bologna si copre in 35/40′ Firenze Siena ne richiede almeno 80 e sulle tratte locali la puntualità é un optional. Le sale d’attesa sono mediocri nel migliore dei casi e sempre poco pulite. La bella iniziativa delle sale d’attesa per le freccie é stata penalizzata con un anacronistico tesseramento caro e inutile. Acquistando un biglietto Milano Roma in prima classe a oltre 100€ dovrei aspettare il treno sul binario o in una sala d’attesa fatiscente, quando fino a poco tempo fa la titolarità del biglietto mi dava diritto all’accesso alle sale riservate

    Mi piace

  2. Corto Maltese // 22 maggio 2016 alle 7:02 //

    A mio parere l’innovazione per migliorare il servizio dovrebbe partire adottando un sistema di imbarco di tipo aereoportuale. Maggiore ordine e sicurezza! Ovviamente implementando l’infrastruttura, il controllo sugli appalti e l’integrazione con gli altri sistemi di trasporto.

    Mi piace

  3. Caro Corto Maltese, le sue osservazioni sono più che condivisibili. Un sistema di “imbarco” moderno e sicuro è più che plausibile. In futuro non molto lontano potremmo anche aspettarci attentati sui treni. Oggi chiunque può portare esplosivi sui treni senza essere fermato da nessuno. Certo la presenza delle forze di polizie nelle stazioni è aumentata. Ma non è sufficiente.

    Mi piace

  4. sarebbe interessante avere anche una statistica della qualità delle stazioni ferroviarie. Ieri ero a Rifredi, una delle due stazioni fiorentine in cui transitano imbarcano e sbarcano le nostre mirabolanti e rapidissime Frecce……dire che é ridicola é un gesto di generosità. Orribile, mancante di ogni tipo di servizio, senza comunicazione con la città se non i treni Rifredi SMN con cadenza che rasenta l’inutilità. La domenica pomeriggio manca la biglietteria, naturalmente l’automatica é guasta e quando funziona rasenta l’incomprensibilità, manca uno spaccio di qualsiasi cosa e i sottopassaggi….beh meglio non parlarne, ma compensano egregiamente la mancanza di servizi igienici. Santa Maria Novella é una proiezione nel Terzo Mondo in tutto e per tutto, ma al posto delle sale d’attesa sono stati messi spacci di Grandi Firme così i turisti bivaccano su ogni pavimento che trovano libero. Mi fa una certa tenerezza il lettore Corto Maltese quando pensa all’imbarco di tipo aereoportuale in stazioni che sono rimaste al dopoguerra

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: