Annunci
Servizi dal mondo

La Russia si ritira dalla Siria

Mossa a sorpresa di Vladimir Putin che annuncia il ritiro dei militari russi dalla Siria. La scelta di Mosca di riportare a casa le truppe pesa in modo positivo sui colloqui di pace di Ginevra per la Siria. L’aviazione russa ha distrutto 209 impianti petroliferi e 2000 mezzi di trasporto del petrolio.

russia-si-ritira-dalla-siria

Il presidente della Russia Vladimir Putin ha annunciato il ritiro dei militari dalla Siria

La Russia si ritira dalla Siria. Lo ha annunciato il presidente Vladimir Putin, che ha dichiarato raggiunti gli obiettivi prefissati. Il ritiro dei militari russi e lo stop alle operazioni cominciano martedì 15 marzo.

Ora il mondo si chiede il perché della scelta russa di ritirarsi dalla Siria. Putin ha definito il ritiro militare– riporta l’Ansa – “una buona motivazione per dare inizio alle negoziazioni politiche tra le forze del Paese”. Un modo per spiegare che la scelta di Mosca è un’apertura rivolta alle parti del conflitto siriano che oggi riprendono il negoziato a Ginevra.

Quali sono gli obiettivi che Putin dichiara di avere raggiunto? Secondo la Bbc, il presidente russo ha consolidato la posizione del presidente Assad, mettendo l’esercito siriano nella condizione di riprendersi posizioni chiave sul territorio. Inoltre, grazie all’intervento russo, Assad torna a essere un attore indispensabile per stabilire il futuro assetto della Siria. El Paìs parla di 209 impianti petroliferi e 2000 mezzi di trasporto del greggio, distrutti dall’aviazione russa.

Putin ha informato della decisione il presidente siriano Bashar al-Assad, la cui richiesta d’aiuto aveva convinto la Russia a intervenire in Siria lo scorso settembre. E Assad ha risposto: “di essere pronto a dare inizio al processo politico nel Paese il più preso possibile”. La risposta di Assad è il primo effetto diplomatico della scelta della Russia di ritirarsi dalla Siria.

Non tutti i militari saranno però ritirati. Restano operative la base aerea a Latakia e quella navale a Tartous. Le due basi –ha spiegato Putin- e i militari stanziati avranno il compito di vigilare sulla tregua e eseguire attività di “routine”. Parola d’ordine quindi: sorvegliare il cessate il fuoco.

 

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di politica estera e attualità internazionale. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: