Annunci
Servizi dal mondo

Qual è la migliore canzone sulla guerra?

what is the best song against the war

Qual è la migliore canzone mai scritta sulla guerra? Nella tradizione musicale, soprattutto anglosassone, il tema della guerra è stato sentito (e cantato) in tante versioni. La musica folk e rock americana ha forse affrontato maggiormente il tema. Da Joan Baez a Woody Guthrie, dai Grateful Dead ai Jefferson Airplane il conflitto, la morte, la guerra nucleare è spesso al centro dei testi musicali. Tra questi ecco la nostra preferita: Masters of War di Bob Dylan.

La canzone fu scritta nel 1963. Bob Dylan sventola la bandiera del pacifismo. Si tratta di una delle più dure e ferme condanne del militarismo e dell’industria bellica mai messe in musica.


You that build the big guns

You that build the death planes

You that build all the bombs

You that hide behind walls

You that hide behind desks

I just want you to know

I can see through your masks.

You that never done nothin’

But build to destroy

You play with my world

Like it’s your little toy

You put a gun in my hand

And you hide from my eyes

And you turn and run farther

When the fast bullets fly.

 

Like Judas of old

You lie and deceive

A world war can be won

You want me to believe

But I see through your eyes

And I see through your brain

Like I see through the water

That runs down my drain.

You fasten all the triggers

For the others to fire

Then you set back and watch

When the death count gets higher

You hide in your mansion’

As young people’s blood

Flows out of their bodies

And is buried in the mud.

 

You’ve thrown the worst fear

That can ever be hurled

Fear to bring children

Into the world

For threatening my baby

Unborn and unnamed

You ain’t worth the blood

That runs in your veins.

 

How much do I know

To talk out of turn?

You might say that I’m young

You might say I’m unlearned

But there’s one thing I know

Though I’m younger than you

That even Jesus would never

Forgive what you do.

 

Let me ask you one question

Is your money that good

Will it buy you forgiveness

Do you think that it could?

I think you will find

When your Death takes its toll

All the money you made

Will never buy back your soul.

And I hope that you die

And your death’ll come soon

I will follow your casket

In the pale afternoon

And I’ll watch while you’re lowered

Down to your deathbed

And I’ll stand over your grave

‘til I’m sure that you’re dead!


Signori della Guerra

Venite, Signori della guerra

Voi che costruite i grossi fucili

Voi che costruite gli aerei della morte

Voi che fabbricate tutte le bombe

Voi che vi nascondete dietro muri

Voi che vi rifugiate dietro alle vostre scrivanie

Voglio solo che voi sappiate

Che sono in grado di vedere attraverso le vostre maschere.

Non avete mai fatto altro

Che costruire per distruggere

Voi giocare con il mio mondo

Come se fosse il vostro insignificante giocattolino

Mettete un fucile fra le mie mani

E vi nascondete dai miei occhi

E vi voltate e correte lontano

Mentre volano veloci le pallottole.

Come quel Giuda dei tempi antichi

Voi mentite e ingannate

“una guerra mondiale può essere vinta”

Voi volete che io vi creda

Ma io vedo attraverso i vostri occhi

E attraverso le vostre menti

Come vedo attraverso l’acqua

Che scorre giù alla fogna.

Caricate voi i fucili

Che altri dovranno usare

Poi vi mettete comodi a guardare

Il conto delle vittime che sale

Vi rifugiate nelle vostre belle ville

Mentre il sangue di giovani ragazzi

Scorre fuori dai loro corpi

E impregna la terra mescolandosi al fango.

 

Avete diffuso la peggior paura

Che avesse mai potuto sorgere

La paura di far nascere figli

In questo mondo

Perché minacciate il mio bimbo

Ancora non nato e senza nome

Non valete il sangue

Che vi scorre nelle vene.

Che cosa ne posso sapere io

Per parlare quando non è il mio turno?

Potete dire che sono giovane

Potete dire che sono ignorante

Ma c’è qualcosa di cui sono certo

Benché sia più giovane di voi

Nemmeno Gesù potrebbe mai

Perdonare quello che fate.

Lasciate che vi faccia una domanda

Il vostro denaro ha il potere

Di comprarvi il perdono

Davvero pensate che potrebbe?

Io penso invece che vi renderete conto

Quando la Morte esigerà il suo pedaggio

Che tutti i soldi che avete guadagnato

Non vi compreranno mai indietro la vostra anima.

E io spero che voi moriate

E che moriate in fretta

Seguirò la vostra bara

Nel pallido pomeriggio

E starò a guardare mentre vi calano

Giù nella fossa

E rimarrò presso la vostra tomba

Finché non sarò sicurissimo che siate morti e sepolti!

Annunci
Informazioni su Redazione ()
Magazine online di politica estera e attualità internazionale. Si occupa di informazione sui temi della diplomazia, economia internazionale, cultura e sviluppo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: